Salta al contenuto principale

Lettera dall'Ue a Roma:

«La manovra non rispetta

il target sul debito»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

È arrivata la lettera di Bruxelles che chiede chiarimenti all’Italia sulle misure contenute nella manovra.

Approfondimenti che - scrive l’Unione europea - dovranno arrivare entro domani, «per consentire alla Commissione di tenerli in considerazione prima di dare l’opinione formale” sulla manovra».

Il piano italiano - si legge nel testo - «non rispetta il target di riduzione del debito per il 2020». La bozza prevede un peggioramento del deficit strutturale di 0,1% del Pil, «che manca il raccomandato aggiustamento strutturale di 0,6%», e «un aumento della spesa dell’1,9%, che eccede la riduzione raccomandata di almeno lo 0,1%». Elementi che «appaiono non in linea con le raccomandazioni, puntando ad un rischio di deviazione significativa dallo sforzo raccomandato».

La Commissione Ue «prende nota della richiesta italiana di utilizzare la flessibilità prevista» dalle regole del Patto «per prendere in considerazione gli effetti sul bilancio degli eventi eccezionali», e «farà un’analisi approfondita della domanda, considerando i criteri di eleggibilità».

«La lettera della Commissione Europea all’Italia era attesa e rientra nell’ambito di un normale dialogo fra le parti che non desta preoccupazioni». È quanto spiegano fonti ministero delle Finanze: «La Commissione chiede chiarimenti che il Governo si appresta a dare entro domani».

«All’Ue daremo tutti i chiarimenti, non siamo preoccupati», afferma il premier Giuseppe Conte ai cronisti a margine dell’assemblea di Confesercenti.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy