Salta al contenuto principale

Sì alla rottamazione

delle auto fino agli euro 3

e dei motorini a due tempi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 43 secondi

Il Green New Deal del governo Conte 2 parte dalla rottamazione di auto e motorini, incentivi per i commercianti che attrezzeranno “green corner” per vendere prodotti sfusi, corsie preferenziali per i mezzi pubblici, scuolabus ecologici e nuovi alberi nelle città.

Sono le misure da 450 milioni di euro in tre anni contenute nel Decreto legge Clima, approvato dal Consiglio dei ministri.

Le misure più incisive, ma anche politicamente più scottanti, cioè i tagli ai sussidi dannosi per l’ambiente, sono state rinviate alla legge di Bilancio. Paragonati ai 50 miliardi stanziati per l’ambiente dal governo tedesco, i 450 milioni del Decreto Clima appaiono un assaggio, un primo passo. Ma l’Italia non ha certo il surplus commerciale da compensare della Germania. I fondi per il clima, il decreto li trova nelle «aste verdi», cioè il sistema di scambio delle emissioni di gas serra nella Ue, l’Ets.

«È il primo atto normativo del nuovo governo, che inaugura il Green New Deal - commenta il ministro Costa - il primo pilastro di un edificio le cui fondamenta sono la legge di bilancio e il Collegato ambientale, insieme alla legge Salvamare, in discussione alla Camera, e a ‘Cantiere ambientè, all’esame del Senato. Tutto questo dimostra che il governo sta realizzando una solida impalcatura ambientale».

Sull’assenza del taglio ai sussidi dannosi per l’ambiente (soprattutto quelli al gasolio agricolo e per l’autotrasporto), Costa precisa che «la riduzione, inizialmente prevista nel decreto clima, è contemplata nella legge di bilancio. La nostra idea è fare un taglio costante negli anni, da qui al 2040, ma senza penalizzare nessuno, salvaguardando il nostro sistema produttivo». La paura di una rivolta come quella dei gilet gialli in Francia, innescata dalle tasse ecologiche sui carburanti imposte da Macron, è reale.

Tra le novità introdotte dal decreto clima, il buono mobilità per le città e le aree sottoposte a infrazione europea per la qualità dell’aria: vengono stanziati 255 milioni di euro per garantire fino a 1500 euro per la rottamazione dell’auto fino alla classe euro 3 e fino a 500 euro per i motocicli a due tempi. I soldi potranno essere spesi in tre anni per abbonamenti a mezzi pubblici o acquisto di biciclette.

Il decreto prevede per i Comuni 40 milioni di euro per le corsie preferenziali dei bus e 20 milioni per scuolabus elettrici o ibridi. Trenta milioni di euro saranno destinati a piantare alberi nelle città. Venti milioni saranno destinati ai commercianti (fino a 5 mila euro per ciascuno) per la realizzazione di un «green corner» nei negozi per la vendita di prodotti sfusi.

Il Movimento 5 Stelle festeggia «i 255 milioni in incentivi per la mobilità green», mentre la deputata della Lega Vannia Gava parla di un provvedimento «ridicolo» e «pieno di marchette». Critiche anche dagli ambientalisti. Per Greenpeace il provvedimento «sostanzialmente non è un decreto sul clima, dato che inciderà davvero molto poco sulla lotta all’emergenza climatica in corso, per cui occorrerebbero provvedimenti ben più radicali. A partire da una seria svolta pro-rinnovabili e da una drastica rimodulazione dei sussidi ai combustibili fossili». Per Angelo Bonelli dei Verdi «il decreto clima approvato oggi è un accrocchio di norme, alcune insignificanti, messe insieme per dare un titolo e fare finta di occuparsi seriamente dei cambiamenti climatici». Applaudono invece i produttori di moto dell’Ancma, l’associazione nazionale che riunisce l’industria delle due ruote.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy