Salta al contenuto principale

Consiglio, Rossato la più presente

Degasperi il più produttivo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 46 secondi

Katia Rossato che non si ammala mai, non esce mai e praticamente “vive” sui banchi del consiglio. E Filippo Degasperi, re indiscusso degli atti politici, che trascorre le giornata a fare interrogazioni. Riassumendo possono essere questi i dati più eclatanti raccolti dopo quasi un anno di attività in consiglio provinciale.

Numeri e percentuali, lo diciamo subito, che vanno presi con le molle, ne senso che ognuno meriterebbe un piccolo approfondimento e una spiegazione. Perché, per intenderci, non è detto che la più presente (Rossato appunto) abbia lavorato e prodotto praticamente il doppio della più assente (l’assessore Giulia Zanotelli): molto dipende dal ruolo politico che si ha e dal fatto di stare o meno in maggioranza, se senso che ovviamente le interrogazioni sono proprie delle minoranze, non di chi governa.

Fatta la premessa, ecco l’analisi nuda e cruda dei numeri. Il gruppetto dei leghisti, in sostanza, non manca mai: oltre al top Rossato, infatti, ci sono Ivano Job, Alessandro Savoi, Alessia Ambrosi e Denis Paoli, con “l’intruso” della lista Fassa Luca Guglielmi. Per loro su 512 votazioni le assenze si contano sulle dite di una mano, con percentuali ben oltre il 99%. Molto bene anche il presidente Maurizio Fugatti, che è in aula il 90,8% delle volte, con 47 assenze tutte giustificate. Lega al top, quindi.

Ma Lega al top anche nella classifica “contraria”, ovvero quella dei più assenti: gli assessori Giulia Zanotelli e Mirko Bisesti, infatti, sono rispettivamente al primo e quarto posto nella lista di chi va in “marina”. Le loro assenze sono naturalmente tutte giustificate e molto probabilmente si tratta di impegni istituzionali che li hanno costretti lontano dal palazzo.

Però i numeri sono numeri e non si discutono, quindi il “tapiro d’oro” è per loro. Senza dimenticare l’ex presidente e l’ex vicepresidente, ovvero Ugo Rossi e Alessandro Olivi, sul podio tra i due leghisti.

Passando invece agli atti politici, una somma di interrogazioni, disegni di legge, proposte di mozione, al top c’è il Movimento 5 Stelle, con Filippo Degasperi e Alex Marini che sono un po’ il Messi e il Cristiano Ronaldo dell’aula: insieme hanno prodotto oltre la metà dell’attività ufficiale, scatenandosi soprattutto con le interrogazioni. Al secondo posto, ma comunque in zona Champions League, il gruppo Futura con Lucia Coppola e Paolo Ghezzi. Poi molto Pd e molto Patt.

Numeri e percenturali, dicevamo, fermo restando che l’importante è come si lavora, non quanto si è presenti o assenti. O no?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy