Salta al contenuto principale

Crisi: Mattarella concede altro tempo

per il tentativo di formare un Governo

Martedì nuovo giro di consultazioni

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 18 secondi

«Il Presidente della Repubblica ha il dovere, ineludibile, di non precludere l’espressione di volontà maggioritaria del Parlamento» e quindi la possibilità della nascita di un nuovo governo per cui ho convocato un nuovo giro di consultazioni per martedì prossimo. Sergio Mattarella, dopo due ore di riflessione ed una serie di telefonate ai protagonisti principali della crisi, ha aperto la strada a Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti per tentare la formazione di un esecutivo Pd-M5s. Con la Lega che è tornata a tendere la mano ai Cinquestelle.

Il presidente della Repubblica non ha nascosto al paese le difficoltà esistenti, nonchè i rischi di un prolungamento della crisi per la tenuta dei conti e ha chiesto senza mezzi termini di fare in fretta chiedendo senso di responsabilità: «con le dimissione di Conte che ringrazio s’è aperta la crisi con una rottura polemica tra i due partiti. La crisi va risolta in tempi brevi come richiede un grande Paese come il nostro», ha premesso in un discorso trasmesso su tutti i principali canali televisivi.

Anche nell’annunciare l’apertura che concede quattro giorni pieni a Pd e Cinque stelle il capo dello Stato ribadisce l’urgenza delle decisioni: «Mi è stato comunicato - ovviamente durante le due ore di riflessione sono arrivati quei segnali dai partiti che il Colle considerava essenziali per dare il via libera - che sono state avviate iniziative tra partiti. Ho il dovere di richiedere decisioni sollecite».

Ma che la situazione sia seria e l’accordo per un governo giallo-rosso tutta in salita lo si evince dal tono preoccupato di Mattarella e dalle sue parole: «sono possibili solo governi che ottengono la fiducia del Parlamento con accordi dei gruppi su un programma per governare il Paese, in mancanza di queste condizioni la strada è quella delle elezioni», ha scandito.

Elezioni che quindi rimangono ben presenti nelle considerazioni del Quirinale che da sempre è preoccupato per i conti pubblici e vuole evitare l’esercizio provvisorio. Per questo Zingaretti e Di Maio sanno che in questi giorni devono lavorare sodo e mostrare senso di responsabilità. sanno anche che il presidente per martedì vuole il nome del premier da incaricare.

Sergio Mattarella ha quindi riferito le conclusioni dei tanti colloqui avuti in questi due giorni spiegando che è emersa una maggioranza parlamentare contraria al ritorno alle urne: «nel corso delle consultazioni mi è stato comunicato da parte di alcuni partiti che sono state avviate iniziative per un’intesa in Parlamento per un nuovo governo e mi è stata avanzata la richiesta di avere il tempo di sviluppare questo confronto. Anche da parte di altre forze politiche, del resto, è stata rappresentata la possibilità di ulteriori verifiche».

Appuntamento a martedì quindi. In due giorni saranno nuovamente consultate tutte le forze politiche. Il presidente si attende «decisioni chiare». Altrimenti c’è il voto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy