Salta al contenuto principale

Valutazione impatto ambientale

fine di un'era: avanti

verso la nuova legislazione

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

La Terza commissione del Consiglio provinciale di Trento ha approvato il ddl proposto dal vice presidente e assessore all’ambiente Mario Tonina sulla modifica della «Via», la Valutazione di impatto ambientale. Cinque i voti favorevoli, 4 della Lega, Job, Cavada, Rassato e Paoli, più Lorenzo Ossanna del Patt e due gli astenuti: Tonini del PD e Coppola di Futura.

I due obiettivi del ddl - sottolinea l’assessore all’ambiente in una nota del Consiglio provinciale - sono l’adeguamento alla normativa statale della Via e quello della semplificazione. Ma con qualche paletto. «La richiesta venuta dagli imprenditori di allargare dai centri storici alla totalità del territorio antropizzato la possibilità della concessione da parte dei Comuni, e non più dalla Pat, del nulla osta di conformità al piano Parco per gli interventi edilizi - ha detto Tonina - non è accoglibile. Si farà, comunque, ha aggiunto Tonina, un approfondimento».

Sul tema delle sanzioni, anche questo sollevato dagli imprenditori, la Pat, ha concluso Tonina, non può fare nulla perchè la competenza dell’ambiente è statale.

Il versante degli ambientalisti, in particolare Italia Nostra, ha sollevato la questione della partecipazione. Tonina ha affermato, sempre nella discussione generale, che non c’è un deficit partecipativo. Si è semplicemente riscritto l’articolo della legge sulla Via, ma la partecipazione «è assicurata».

LEGGI ANCHE: Cosa cambia con la nuova legge

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy