Salta al contenuto principale

Alta tensione nel governo:

aria di elezioni a ottobre

Salvini: "Qualcosa si è rotto"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Tensione alle stelle nella maggioranza dopo lo stop alla mozione dei cinquestelle contro la Tav.

A Palazzo Chigi ieri sera si è tenuto un colloquio tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini.

Nel colloquio con il premier Conte il leader leghista, secondo quanto viene riferito, avrebbe posto le proprie condizione per andare avanti: una rivoluzione nel governo, con nomi nuovi e un "contratto" rivisto e corretto in salsa leghista, o è meglio finirla qui, subito. E non arrischiarsi neanche ad avviare un'impresa impervia come quella di scrivere, da separati in casa, la prossima manovra.

Fonti leghiste descrivono "lungo, pacato e cordiale" il colloquio ma altri lo raccontano come assai teso.

Mentre Luigi Di Maio vede i suoi da fuori, giungono le voci più disparate, come quella - alimentata da qualche parlamentare leghista - che ipotizza le urne il 6 o il 13 ottobre. Ma in casa M5s, dove le ansie crescono con il passare delle ore, è a un rimpasto che ci si prepara.

Ieri sera poi Salvini ha tenuto un comizio a Sabaudia dove ha detto chiaramente di essere pronto ad andare al voto. "Non mi uscirà mai una parola negativa su Di Maio o Conte", ma "qualcosa si è rotto negli ultimi mesi".

"L'ultima delle cose che ci interessano è avere qualche ministero in più, qualche poltrona in più. - ha aggiunto - Anzi, le sette poltrone della Lega sono a disposizione degli italiani. O si possono fare le cose oppure si torna a votare".

"Non sono fatto per le mezze misure, o le cose si possono fare per intero e in fretta oppure star lì a scaldare la poltrona non fa per me", ha detto Salvini dal palco di Sabaudia. E poi: "Tenerci 7 ministeri per non riuscire a fare le cose, tutte, 100 su 100, è inutile".

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy