Salta al contenuto principale

Voti contesi, Bezzi passa Savoi

Ma la partita non è chiusa

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 45 secondi

Giacomo Bezzi supera Alessandro Savoi nella corsa - sul filo di una manciata di voti  - per un posto al sole in Consiglio provinciale. Ma la gara elettorale è lungi dall’essere conclusa: il Tar ha ordinato alla Provincia di depositare altri verbali e schede contestate sia dalla Lega, sia dall’Udc. Il risultato finale dunque potrebbe cambiare ancora. Intanto, visto che il procedimento resta sub judice, la poltrona in Consiglio provinciale rimane a Savoi, anche se Bezzi è determinato a sfilargliela.

La vicenda da un punto di vista amministrativo ed elettorale è molto complessa, come dimostrano le 44 pagine di sentenza non definitiva depositata ieri dai giudici del Tar Roberta Vigotti (presidente), Carlo Polidori (estensore) e Antonia Tassinari.

L’eccezione di inammissibilità presentata da Savoi (difeso dagli avvocati Sergio e Giuliana Dragogna) è stata rigettata. Il ricorso di Bezzi (difeso dall’avvocato Lorenzo Eccher) ha superato il primo ostacolo procedurale.

Nel merito è stato accolto il primo motivo del ricorso principale con assegnazione a Bezzi di due voti in più. «Ad oggi - sottolinea l’avvocato Eccher -  passa in vantaggio Bezzi con tre voti di scarto. La Lega deve trovare 4 voti per passare l’Udc».

La «gara» però è ancora aperta. La Lega nel suo controricorso contestava la mancata assegnazione di circa 45 voti di lista e chiedeva la verifica delle operazioni di scrutinio in 92 sezioni. Il Tar ha accolto la richiesta solo in parte. Nel dettaglio i giudici hanno ordinato alla Provincia «di produrre copia dei verbali delle operazioni elettorali e delle schede non attribuite alla lista n° 1 (cioè la Lega, ndr) , non riesaminate dall’Ufficio centrale circoscrizionale, solo relativamente ai seggi del Comune di Ville d’Anaunia (quattro voti contestati); del Comune di Tenna (quattro voti contestati); del Comune di Primiero (sette voti contestati); del Comune di Isera (un voto contestato); del Comune di Castel Ivano (due voti contestati); del Comune di Bleggio Superiore (tre voti contestati), del Comune di Ala(un voto contestato e non attribuito)». La Lega dunque ha la possibilità di recuperare almeno una ventina di voti, e se ciò accadesse ci sarebbe il controsorpasso di Savoi.

Anche Bezzi però, oltre alle due schede che gli sono già state riconosciute dal Tar, chiede l’assegnazione di alcuni voti. E infatti il Tar ha ordinato alla Provincia «di produrre copia del verbale delle operazioni elettorali e delle schede non attribuite alla lista 19 (cioè l’Udc, ndr), non riesaminate dall’Ufficio centrale circoscrizionale, relative al seggio del Comune di Ville d’Anaunia, nonché copia del verbale delle operazioni elettorali e delle schede attribuite provvisoriamente alla lista  1 (cioè la Lega, ndr), non riesaminate dall’Ufficio centrale circoscrizionale, relative al seggio del Comune di Lavis».

La competizione è resa ancora più complessa dal differente «peso» nei voti dei due partiti nel far scattare il seggio. Per effetto del metodo D’Hondt nell’assegnazione dei seggi, se l’Udc rimarrà a secco di voti contestati, la Lega dovrà comunque ottenerne 4 per passare davanti. E ancora: se l’Udc riuscisse a farsi attribuire un solo voto, la Lega per restare davanti e tenere in consiglio Savoi dovrebbe trovarne 17. «Sono estremamente soddisfatto della sentenza, pur parziale - sottolinea l’avvocato Eccher, legale di Bezzi - il Tar ha premiato il nostro lavoro. Abbiamo piena fiducia in un esito positivo del ricorso. Certo non è finita, ma ora Bezzi è davanti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy