Salta al contenuto principale

Elezioni: le liste in campo

L'altro Trentino a sinistra

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 15 secondi

Scuola e sanità gratuite per tutti, lavoro di cittadinanza e mobilità alternativa. Sono i cardini su cui si fonda il programma de «L’Altro Trentino a sinistra», lista di 31 elementi che assieme a «Liberi e Uguali» dà vita alla coalizione «Sinistra per il Trentino» che sostiene Antonella Valer, unica donna candidata alla presidenza della Provincia di queste elezioni.

Capolista è Giuliano Pantano, storico volto di Rifondazione comunista che alle politiche del 4 marzo si era candidato con «Potere al Popolo», così come Valeria Allocati. «La nostra è una lista composita, con persone provenienti dalle varie zone del Trentino e con attività eterogenee nel mondo del lavoro» spiega Pantano.

Il programma di coalizione evidenzia nelle premesse come il Trentino possa e debba scegliere un modello di sviluppo in cui al centro stiano i bisogni delle persone e l’ambiente in cui vivono «affinché la qualità della vita possa essere soddisfacente per tutti e tutte».
«Il mondo in cui viviamo e vivremo - recita il programma - è un mondo abitato da persone nate in luoghi diversi, la cui lingua madre è diversa e che praticano religioni differenti. Una convivenza solidale è possibile se c’è riconoscimento e rispetto di diritti e doveri delle persone come singoli e come parte della collettività». Sei sono le azioni prioritarie per il Trentino del futuro: riequilibrio territoriale; piena e buona occupazione; qualità della democrazia; investimento nei beni pubblici; scelte di pace, cooperazione e accoglienza; il coraggio del limite, ossia quando è necessario dire di no.

Ecco dunque che tra le proposte emergono in primis una legge per la montagna, con l’obiettivo di promuovere il turismo dolce e valorizzare la biodiversità, oltre a un progetto di mobilità alternativa rilanciando la ferrovia con la riattivazione delle tratte storiche dismesse e promuovendo le forme di mobilità alternativa come car sharing e car pooling. No invece a Tav e Tac, oltre che alla realizzazione della Valdastico nella versione «Valsugana» e «Vallagarina».

Non dovranno mancare - secondo la coalizione a sostegno di Valer - politiche per favorire la permanenza delle popolazioni nelle valli e nei paesi, garantendo l’informatizzazione degli edifici, con incentivi al riuso dell’esistente. E ancora: i servizi pubblici come scuola e sanità devono essere presenti sul territorio in modo diffuso. «La soddisfazione dei bisogni essenziali (alimentazione, casa, istruzione, salute) è un diritto che deve essere garantito anche con politiche di gratuità più che con elargizioni monetarie» si legge nel programma.

L’Altro Trentino a Sinistra con LeU punta anche sul lancio di un piano economico e ambientale pluriennale che ri-orienti l’economia e riqualifichi il lavoro. A questo si aggiunge un «piano di lavoro di cittadinanza che garantisca ai residenti che lo desiderano un lavoro di qualità con un salario minimo dignitoso: la Provincia assume i lavoratori e questa politica sostituisce gli altri ammortizzatori sociali». L’Itea va poi rilanciata, rendendola nuovamente pubblica, mentre in ambito edilizio è necessario il blocco di nuove edificazioni. Si infine di una riforma degli strumenti di partecipazione dell’autonomia, introducento forme di democrazia diretta e deliberativa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy