Salta al contenuto principale

Olimpiadi invernali 2026, sostegno a Zaia

Anche Rossi e Kompatscher ora a favore

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

C’è «piena convergenza sulla candidatura avanzata dal Veneto e sostenuta dal Trentino» per le Dolomiti Unesco sede delle Olimpiadi invernali 2026, che avrebbe per capofila Cortina d’Ampezzo.

È quanto è emerso oggi al termine di un incontro a Venezia tra il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi e il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher.

«Rossi e Kompatscher - è detto in una nota congiunta - hanno confermato a Zaia l’interesse e la possibilità di mettere a disposizione impianti e strutture esistenti dei propri territori per ospitare il grande evento sportivo: anche l’utilizzabilità di tali risorse dovrà trovare compiuta valutazione nel dossier che dovrà accompagnare la candidatura».

I Giochi olimpici, hanno convenuto i tre presidenti, dovranno essere «sostenibili anche da un punto di vista trasportistico e del rispetto ambientale» e pertanto dovrà essere avviato «un serio approfondimento per quanto riguarda l’intera area delle Dolomiti Unesco, con particolare riferimento all’anello ferroviario delle Dolomiti».

Nell’incontro, Zaia, Rossi e Kompatscher, hanno inoltre discusso in termini generali delle possibili collaborazioni sul fronte infrastrutturale e viabilistico, su quello dei trasporti e dell’acqua e di altri problemi della montagna.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy