Salta al contenuto principale

Rosatellum e minoranze

In Senato duello M5S-Svp

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

Il presidente del Senato Pietro Grasso ha negato il voto segreto, richiesto da Si e da M5s, sulle pregiudiziali e sulla questione sospensiva. Tanto Si, con Loredana De Petris, che M5s, con Vito Crimi e Giovanni Endrizzi, avevano chiesto di votare a scrutinio segreto solo la parte dei rispettivi documenti che riguarda le minoranze linguistiche, materia per la quale il Regolamento del Senato autorizza il voto segreto.

«Come è noto la legge elettorale in discussione al Senato, così come approvata dalla Camera, non prevede lo scorporo e i voti per i candidati nei collegi uninominali vengono conteggiati anche per l’assegnazione dei seggi nel proporzionale. Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle, con emendamenti a prima firma dei senatori Crimi, Morra e Endrizzi, propone ora che per le sole minoranze linguistiche si dovrebbe applicare un sistema di scorporo. Secondo il Movimento 5 Stelle i voti dati alle liste espressione delle minoranze linguistiche dovrebbero contare solo una volta mentre per tutti le altre liste varrebbero due volte, sia per i seggi uninominali che per quelli proporzionali. Non vi è chi non veda che ciò sarebbe estremamente penalizzante e discriminatorio e quindi palesemente incostituzionale. L’art.6 della Costituzione impone la tutela delle minoranze mentre il Movimento 5 Stelle vuole fare esattamente il contrario». È quanto afferma il senatore Karl Zeller, presidente del Gruppo per le Autonomie-Psi-Maie.

«Il Movimento Cinque Stelle - sostiene Zeller - dovrebbe spiegare ai cittadini perché crede che un voto dato a un partito espressione delle minoranze linguistiche dovrebbe valere solo la metà di un voto dato a un partito nazionale. Perché il Movimento 5 Stelle crede che i partiti espressione delle minoranze linguistiche non debbano poter concorrere per l’assegnazione dei 5 seggi assegnati nel sistema proporzionale nella Regione Trentino - Alto Adige/Südtirol?».

«È ora di porre termine all’ipocrisia ed alle mistificazioni del Movimento Cinque Stelle che si spaccia come filo autonomista e attento alle minoranze linguistiche, mentre nei fatti agisce in direzione opposta», conclude Zeller.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy