Salta al contenuto principale

Coronavirus, in Europa i contagi

crescono ancora: l'Austria

vara coprifuoco e nuove chiusure

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Il numero di ricoveri legati al Covid-19 ha raggiunto numeri record in almeno 14 paesi europei questa settimana, secondo un conteggio dell’Afp.

I Paesi più colpiti sono stati la Repubblica Ceca, con 62 pazienti ogni 100.000 residenti, seguita da Romania (57), Belgio (51) e Polonia (39).

In totale, 135.000 malati di Covid sono trattati negli ospedali di 35 paesi (su 52), rispetto ai meno di 100.000 della settimana precedente. I Paesi con il maggior aumento registrato sono stati la Serbia, con ricoveri in aumento del 97%, il Belgio (81%), l’Austria (69%) e l’Italia (65%).

Il governo austriaco oggi ha comunicato una nuova stretta, con l’istituzione del coprifuoco e la chiusura di ristoranti, alberghi, istituzioni culturali e sportive, nel tentativo di arginare la seconda ondata della pandemia.

«Un secondo blocco è in vigore da martedì fino alla fine di novembre», ha annunciato il cancelliere Sebastian Kurz in conferenza stampa.

Gli ospedali ormai sono al limite. Chiudono ristoranti, cinema e teatri, stop ai matrimoni e coprifuoco dalle 20 alle 6. Le scuole restano aperte, come anche i parchi pubblici.

Domani, prima di fare l’annuncio alla nazione, Kurz si confronterà con il presidente Alexander Van der Bellen e con i governatori dei Laender.

Nella foto, una donna sospetta positiva e una ragazza corriere in bici nel corso di un test rapido salivare covid-19 svolto a domincilio, a Vienna.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy