Salta al contenuto principale

Angelus in ritardo, il Papa
chiuso in ascensore
e “liberato” dai pompieri

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

«Devo scusarmi del ritardo: sono rimasto chiuso in ascensore per 25 minuti, c’è stato un calo di tensione ma poi sono venuti i vigili del fuoco». Lo ha detto il Papa prima dell’Angelus cominciato con diversi minuti di ritardo.

È “l’ascensore privato” dei Papi, quello che oggi è rimasto bloccato per 25 minuti mentre portava Francesco al terzo piano del palazzo apostolico, dove il pontefice si affaccia per la preghiera domenicale dell’Angelus. In Vaticano è chiamato “l’ascensoretto di Sisto V”, perchè vi si accede dall’omonimo cortile, uno dei più riservati di tutto il piccolo Stato.

E arriva direttamente nell’appartamento papale, dove Bergoglio non ha deciso di abitare, ma che viene utilizzato la domenica e per altre occasioni ufficiali. L’inconveniente è stato subito segnalato alla centrale operativa interna che ha mobilitato il servizio di vigili del fuoco vaticani, che hanno la loro caserma operativa nel cuore della Città leonina, nel cortile di San Damaso, a poche centinaia di metri dall’ascensoretto. Negli anni l’ascensore è stato usato da tutti i papi, in particolare da Giovanni Paolo II quando aveva problemi di deambulazione.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy