Salta al contenuto principale

Tre giganti dell'alpinismo

morti sulle Montagne Rocciose

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 4 secondi

Una valanga sulla Montagne Rocciose canadesi ha ucciso gli austriaci David Lama e Hansjoerg Auer e il loro compagno di cordata americano Jess Roskelly, che nonostante la loro giovane età erano considerati tra i migliori alpinisti a livello mondiale. L’incidente è avvenuto durante la scalata dell’Howse Peak (3.295 m). «È una grande tragedia, è terribile», ha commentato, visibilmente scosso Reinhold Messner, che conosceva bene i due tirolesi.

L’allarme è stato lanciato da John Roskelly, il famoso alpinista e Piolet d’Or alla carriera nel 2014, perchè il figlio non ha chiamato martedì, come invece concordato. Durante un volo in elicottero sulla zona della valanga di enorme dimensioni sono stati trovati - così le autorità canadesi - «segni evidenti» che i tre siano stati travolti. Dalla neve, si apprende, spuntavano attrezzatura alpinistica e corpi parzialmente coperti. A causa dell’elevato rischio non è stato neanche tentato un atterraggio, ma il padre di Jess ha già annunciato che, appena possibile, andrà a recuperare le salme. «È terribile per me e per mia moglie, ma ancora peggio per sua moglie Allison, l’amore della sua vita», ha affermato John sui social media.

Hansjoerg Auer ha scritto capitoli importanti dell’arrampicata moderna sulle Dolomiti. Nel 2007 scalò, infatti, la «Via del Pesce» sulla parete sud della Marmolada in free solo. Il tirolese superò senza corde 37 ‘tirì e 1.220 metri di dislivello del grado 7b+, con punte di 9-. Nel 2012 seguì sulla stessa parete la mitica via «L’ultimo dei Paracadutisti» (8b+), senza mai legarsi. Raccontò le sue imprese sulla parete sud della Marmolada, che gli portarono fama internazionale, in un libro, nel quale parlò anche del dolore di perdere amici in montagna. Nel 2016 scalò - ovviamente in free solo - in 12 ore tre ‘storichè pareti sulle Dolomiti (Marmolada sud, Piz Ciavazes sud e Sass dla Crusc ovest), scendendo ogni volta a valle con il parapendio.

David Lama, 28 anni, madre austriaca e padre nepalese, era considerato uno degli alpinisti e arrampicatori più promettenti in circolazione. Nel suo palmares vari titoli internazionali di arrampicata e boulder. Famosa anche la sua ripetizione della via Maestri sul Cerro Torre nel 2012. L’anno scorso scalò il Lunag Ri, una vetta inviolata di 6.895 metri dell’Himalaya, documentando l’impresa con un drone.
Jess Roskelley da giovanissimo ha seguito le orme di suo padre. Nel 2018 la rivista americana Men’s Health lo elesse secondo nella classifica «Avventuriero dell’anno» alle spalle di Alex Honnold, famoso per la sua impresa free solo sul El Capitan.

Secondo Messner, Auer e Lama «hanno portato l’arte dell’arrampicata a nuove dimensioni» e avevano entrambi «un forte carisma», ha detto il Re degli Ottomila. Soprattutto Auer, prosegue l’altoatesino, «era ai massimi livelli in tutte le discipline». Per Messner, l’incidente dimostra che l’alpinismo tradizionale a quei livelli «è follemente pericoloso». «Non è una questione di capacità, ma di fortuna o sfortuna», prosegue ricordando che «metà dei migliori alpinisti mondiali muore».
«Questo tipo di alpinismo è affascinante, ma anche difficilmente giustificabile», conclude.

«David ha vissuto per la montagna.
La sua passione per l’alpinismo e la scalata hanno segnato l’intera famiglia». Lo affermano su Facebook i genitori Claudia e Rinzi Lama in merito alla morte del loro figlio sotto una valanga sulle Montagne rocciose in Canada.

«Ha sempre seguito - proseguono - la sua strada e vissuto il suo sogno. Quello che è successo va accettato in questo senso».
I genitori sul profilo del figlio ringraziano «le numerose parole positive e pensieri che ci hanno raggiunto da lontano e vicino». Invitano infine, a conservare «la gioia di vivere e il suo spirito di iniziativa con lo sguardo rivolto alle sue amate montagne». Claudia e Rinzi Lama concludono con un ricordo dei compagni di cordata morti con il figlio.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy