Salta al contenuto principale

Notre Dame in fiamme: le voci

dei trentini a Parigi

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 49 secondi

«Sembra una cosa inverosimile. All’inizio eravamo tutti increduli». Sono le parole di Giulia Hueller, di Marter di Roncegno (nella foto), che da cinque anni vive a Parigi, nella zona di Montmartre e si occupa di studi di marketing: «E un dolore per tutta la città», dice.

Lunedì pomeriggio sono state le immagini arrivate sul gruppo whatsapp dei colleghi a metterla di fronte ad un quadro che sembrava impossibile: la cattedrale in fiamme. «Non ci potevo credere, ma la cosa che mi è piaciuta è che, nessuno, ha pensato ad un attentato. Ecco, se il primo sentimento è stato quello di pensare che fosse impossibile, il successivo è stato di collegare subito l’accaduto al cantiere».

Anche Giulia, come migliaia di parigini, è andata a vedere la cattedrale. Un passaggio veloce, per non intralciare i mezzi dei pompieri. Il giorno dopo, a Parigi, il pensiero va già alla ricostruzione. E i pareri sono diversi, anche dopo  le offerte dei big del lusso. «Sono stati recepiti anche in modo critico - osserva - A proposito dei beni della chiesa, molti si sono chiesti se non dovesse essere il Vaticano a pagare. Ma la chiesa è dello Stato. E poi si sono sentite tante teorie complottiste su Macron». Resta, al di là del dibattito, il dolore per la distruzione di un luogo simbolo: «C’è il dispiacere nel vedere un patrimonio andato in fumo. Una cattedrale resistita alla Rivoluzione francese, a due Guerre mondiali, all’incuria del tempo, che viene distrutta durante il restauro. C’erano molte persone in lacrime».

Dolore e incredulità anche nelle parole del ricercatore Giacomo Gilmozzi: «Oggi a Parigi ci si spia negli occhi, e con compassione reciproca diciamo silenziosamente “Lo so. Ma non ci credo ancora”», scrive su Facebook. Giacomo si definisce un parigino adottato.

«Ed è per questo - aggiunge - che il discorso di Macron non è stato all’altezza dell’accaduto. Notre Dame era (e speriamo sarà di nuovo) molto di più di un tempio religioso, di un simbolo cattolico o francese. Era il simbolo di questa città - molto più della Tour Eiffel - per tutti coloro che vivono Parigi (non importa se per un giorno, una settimana o un anno). Era il simbolo della cultura citata sempre meno nei discorsi pubblici e di cui tanto avremmo bisogno per far fronte alla possibile minaccia fascio-populista. Notre Dame era - e tornerà un giorno ad essere - il cuore di Parigi, e quindi dei suoi abitanti - di qualsiasi religione e nazionalità».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy