Salta al contenuto principale

Mediterraneo, strage di migranti

117 morti, 3 salvati dalla Marina

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 1 secondo

Nuova tragedia nelle acque del Mediterraneo. 117 migranti sono morti in un naufragio al largo delle coste libiche.

A bordo del gommone avvistato ieri al largo delle coste di Tripoli c’erano 120 persone. A riferirlo è il portavoce dell’Oim, Flavio Di Giacomo. «I tre sopravvissuti arrivati a Lampedusa ci hanno detto che erano in 120 - spiega -. Dopo 11 ore di navigazione hanno imbarcato acqua e hanno cominciato ad affondare e le persone ad affogare. Sono rimasti diverse ore in acqua. Tra i dispersi, al momento 117, ci sono 10 donne, di cui una incinta, e due bambini, di cui uno di 2 mesi».

La Guardia Costiera italiana in una nota spiega che «l’operazione, sotto il coordinamento libico, si è conclusa nella notte di ieri dopo l’intervento di un elicottero della Marina Militare italiana, che ha tratto in salvo tre naufraghi; una nave mercantile dirottata dai libici, giunta in zona, ha effettuato un’attività di ricerca non trovando alcuna traccia del gommone».

«Meglio morire che tornare in Libia», hanno detto i tre sopravvissuti.


 

Sea Watch, soccorse 47 persone su un gommone

«Abbiamo appena soccorso 47 persone a bordo di un gommone in difficoltà. In precedenza, Alarm Phone (servizio di segnalazione telefonica per imbarcazioni in difficoltà, ndr) e Moonbird (aereo della ong che avvista migranti nel Mediterraneo, ndr) avevano informato l’imbarcazione e le autorità di un possibile caso. Dopo una ricerca, la Sea-Watch 3 li ha trovati. Ora sono tutti in salvo e ci stiamo prendendo cura di loro». Lo scrive la ong Sea-Watch su twitter.

Conte, scioccato da nuova strage

«Sono rimasto scioccato da questa nuova strage». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte a Matera. «Siamo più convinti di prima - ha aggiunto - nel contrastare i trafficanti».

«Come premier non avrò pace fino a quando questi trafficanti, uno a uno, non saranno assicurati alla Corte internazionale penale», ha detto ancora Conte.

De Falco, spero che la Marina chiarisca su naufragio

«Spero che la Marina militare e la Guardia Costiera ci forniscano ogni ragguaglio della situazione: l’Italia non può rinunciare alla propria civiltà, in nessun caso, non abbiamo duemila anni di storia alle nostre spalle per rinunciare alla nostra vera identità». Così il senatore e ufficiale di Marina Gregorio De Falco preoccupato per il naufragio tra la costa libica e Lampedusa: «ricordiamoci che esistono obblighi di soccorso derivanti sia da norme di diritto internazionale che interno, oltre al buon senso», dice.

Salvini, le Ong tornano in mare e i migranti a morire

«Una riflessione: tornano in mare davanti alla Libia le navi delle Ong, gli scafisti ricominciano i loro sporchi traffici, le persone tornano a morire. Ma il ‘cattivo’ sono io. Mah...». Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, annunciando una diretta su Facebook.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy