Salta al contenuto principale

Khashoggi, audio shock

sul suo omicidio

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 14 secondi

Sette minuti, sette interminabili e concitati minuti durante i quali Jamal Khashoggi (nella foto) ha cercato di divincolarsi dai suoi aguzzini, di resistere a quelle mani che gli stringevano con forza il collo fino a togliergli anche l'ultimo respiro. Sette minuti in cui ha tentato disperatamente di opporsi ad un destino ormai segnato, da cui una volta entrati nel consolato saudita di Istanbul era impossibile sfuggire. Istanti catturati in un audio shock che le autorità turche fin dall'inizio affermano di avere in mano e che ora hanno condiviso con le autorità americane, europee e anche con quelle di Riad.
«Abbiamo dato la registrazione a Washington, Londra, Parigi, Berlino e anche all'Arabia Saudita», ha rivelato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Quell'audio rappresenterebbe dunque la principale prova dell'assassinio di Khashoggi, un assassinio premeditato portato a termine da uno spietato commando di 15 persone arrivato da Riad ad Istanbul dove il giornalista saudita dissidente, editorialista del Washington Post, doveva ritirare alcuni documenti per il suo matrimonio.
La registrazione, che afferma sia stata già da tempo ascoltata e studiata dalla Cia, dimostrerebbe come quella di Khashoggi sia stata una morte lenta, con i killer che hanno dovuto faticare e lottare per soffocare la vittima. Altro che incidente, come all'inizio avevano sostenuto le autorità saudite. Non è chiaro come i turchi siano entrati in possesso del file audio. Ancora un giallo poi la fine fatta dal cadavere di Khashoggi, mai ritrovato: fatto a pezzi, nascosto, sciolto nell'acido, la caccia al corpo del giornalista scomodo continua.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy