Salta al contenuto principale

Londra, Theresa non si ferma

May prepara un nuovo governo

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

Il risultato delle elezioni nel Regno Unito segna un grave smacco di Theresa May, in lieve vantaggio (318 seggi, ne perde 12) rispetto ai Labour (261, 29 seggi in più) e senza una maggioranza che le consenta di governare la Brexit. Si profila un parlamento bloccato, "appeso" ad eventuali alleanze, allo stato assai improbabili. Ma May va avanti.

La premier conservatrice ha parlato a Downing Street dopo aver incontrato alle 12.30 (le 13.30 in Italia) a Buckingham Palace la regina Elisabetta che l'ha autorizzata a formare un nuovo esecutivo. «Formerò un nuovo governo per attuare la Brexit e mantenere il Paese sicuro», ha detto la premier. 

«La Gran Bretagna adesso ha bisogno di certezze» e i conservatori sono gli unici che possono garantirle. La premier britannica ha confermato che i conservatori collaboreranno con gli unionisti nordirlandesi del Dup per sostenere il nuovo governo da lei guidato. Secondo il primo ministro, i due partiti sono accomunati da una «forte relazione» che va avanti da anni. «Adesso mettiamoci a lavorare. Let's work!», ha concluso la premier.

May è pronta a nominare i ministri già in giornata. Per ora ha il sostegno degli unionisti del Dup.  May non vuole permettere a Bruxelles di rinviare i negoziati sulla Brexit col pretesto che «non c'è un governo in Gran Bretagna».

James Corbyn attacca: «Ora si dimetta. Siamo pronti a governare». La ministra dell'Interno Rudd salva il suo seggio per un pugno di voti. Fuori l'Ukip rimasto a bocca asciutta, il suo leader si dimette. Finisce il dominio Snp in Scozia e il referendum si allontana.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy