Salta al contenuto principale

La morte di Prince

Cocktail di droghe

La prematura scomparsa del cantante forse dovuta ad un mix di antidolorifici. Lo dice Drew Pinsky, medico specialista in dipendenze e problematiche legate agli stupefacenti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 40 secondi

La morte di Prince potrebbe essere stata causata da una «overdose accidentale». A rivelarlo è Drew Pinsky, medico specialista in dipendenze e problematiche legate agli stupefacenti. A suo parere, la star di Minneapolis potrebbe essere stata uccisa da un uso fuori controllo di antidolorifici oppiacei, probabilmente una «combinazione di oppiacei orali e benzodiazepine (un comune psicofarmaco)».

«È un mix estremamente pericoloso perché impedisce di respirare e si muore», ha aggiunto il medico, precisando che forse Prince soffriva di un «problema di salute cronico» come cancro o malattie cardiache. «Avremo la nostra risposta a tempo debito», ha aggiunto. Molti osservatori ritengono infatti sia da escludere l’ipotesi della classicà overdose legata ad un utilizzo ricreativo delle droghe, poiché Prince era un salutista e vegano, molto attento al suo benessere fisico.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy