Salta al contenuto principale

L'Università di Siena sospende il professor Gozzini dopo gli insulti via radio a Giorgia Meloni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 54 secondi

"L'Università di Siena sospende cautelativamente dalle attività didattiche il professor Giovanni Gozzini, in attesa della pronuncia del Collegio di disciplina dell'Ateneo, che si riunirà nei prossimi giorni".

Così una nota dell'Ateneo in merito al caso dello storico, docente all'Università senese, dopo le offese contro la leader di Fdi Giorgia Meloni pronunciate durante una trasmissione radiofonica.

"Per il fatto di aver usato delle parole sbagliate durante la trasmissione sono a porgere le mie scuse a tutti quanti, a Giorgia Meloni per prima e a tutte le persone che si sono sentite offese", ha poi scritto in una nota Giovanni Gozzini, storico e docente all'Università di Siena, in merito a quanto dichiarato, durante la trasmissione Bene bene Male male andata in onda venerdì su Controradio di Firenze, mentre commentava l'intervento alla Camera di Meloni per la fiducia al nuovo governo.

"Presento le mie scuse per il linguaggio usato durante la trasmissione - si legge nella nota diffusa da Gozzini -. Non è mio costume, né come ospite storico della trasmissione di Controradio né in altra sede promuovere un linguaggio che non sia più che rispettoso nei confronti di tutti".

«Vacca, scrofa, pescivendola, peracottara, ortolana» sono alcuni degli epiteti volgari e sessisti rivolti da Gozzini nel programma.

Gli insulti hanno poi suscitato una lunga serie di reazioni di condanna dal mondo politico, da destra a sinistra.

Anche l'emittente toscana ha preso le distanza: «In merito alla trasmissione “Bene bene Male male” andata in onda venerdì 19 febbraio 2021 alle ore 09:00 sulle nostre frequenze, Controradio S.r.l. intende prendere le distanze – come per altro già fatto in onda – dal linguaggio utilizzato dal Prof. Giovanni Gozzini durante la suddetta trasmissione. 45 anni di storia della nostra radio parlano per noi.Questi per Controradio, sono stati anni di impegno costante e serrato tutto volto a combattere l’imbarbarimento del linguaggio da una parte, e dall’altra a lavorare sulle questioni di genere in ogni ambito, dal mondo del lavoro a quello appunto del linguaggio. Parlano per noi decenni di trasmissioni, interviste, speciali, progetti ad hoc».

Il rettore di Siena Francesco Frati ha proposto al Consiglio di disciplina la sanzione della sospensione dal servizio per tre mesi per il professor Giovanni Gozzini, dopo il caso delle offese pronunciate dal docente contro Giorgia Meloni nel corso di una trasmissione in radio venerdì scorso.
 
Lo rende noto lo stesso Ateneo che ha intanto sospeso "cautelativamente dalle attività didattiche" Gozzini "in attesa della pronuncia del Collegio di disciplina dell'Ateneo, che si riunirà nei prossimi giorni". Il rettore, spiega ancora l'Ateneo, "dopo aver pubblicamente condannato l'inaccettabile aggressione verbale" di Gozzini nei confronti della leader di Fdi, "alla quale ha espresso personalmente la propria vicinanza e solidarietà, ha convocato questa mattina l'Ufficio legale di Ateneo per valutare le misure da adottare nei confronti del docente".
 
"Seguendo le procedure dettate dallo Statuto - spiega Frati -, ho inviato al Collegio di disciplina la documentazione da esaminare, proponendo per il docente la sospensione dal servizio per tre mesi. In attesa della pronuncia del Collegio di disciplina dell'Ateneo, che si riunirà nei prossimi giorni, il professor Gozzini è stato sospeso cautelativamente dall'attività didattica". "Gli attacchi volgari e sessisti rivolti all'onorevole Meloni - conclude il rettore - pongono a noi tutti una seria riflessione su quanto questi comportamenti, rivolti spesso alle donne, siano gravi, inaccettabili e da stigmatizzare senza riserve. Abbiamo la necessità di difendere l'onore dell'Ateneo e far sì che l'Università di Siena, a sua volta vittima delle dichiarazioni del professore, sia difesa nella sua dignità".I

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy