Salta al contenuto principale

I 5 ragazzi morti a Castelmagno:

«Abbiamo perso la metà

dei giovani del nostro paese»

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 55 secondi

Tragico incidente nella notte a Castelmagno, in alta Valle Grana, nelle Alpi Cozie meridionali della provincia di Cuneo. In prossimità del rifugio Maraman, lungo la strada per monte Crocette, un Land Rover Defender 130 è uscito di strada, per cause che sono in corso di accertamento.

Cinque le vittime accertate dai Vigili del fuoco, sul posto con Carabinieri, 118 e Soccorso alpino. Con il conducente di 24 anni sono morti altri quattro giovanissimi tra gli 11 e i 17 anni.

Quattro i feriti, due in gravi condizioni, anche loro giovani.

Secondo le prime informazioni, tutti gli occupanti sono stati sbalzati fuori dall'abitacolo del fuoristrada, finito a circa 200 metri dalla sede stradale.

Avevano trascorso a serata all'Alpe Chastlar, a guardar le stelle da uno dei punti più panoramici dell'alta Valle Grana, nel Cuneese, le giovanissime vittime dell'incidente stradale. I ragazzi si erano trovati in piazza e hanno deciso di trascorrere la serata insieme ad ammirare lo spettacolo del cielo stellato. Al ritorno il conducente del fuoristrada, forse per una manovra sbagliata o per una distrazione, è uscito di strada finendo nel precipizio.

L'incidente è avvenuto intorno alla mezzanotte. Terribile la scena che si sono trovati di fronte i soccorritori al loro arrivo: i ragazzi sono stati sbalzati fuori dall'abitacolo e le vittime sono morte sul colpo. Tra i quattro feriti, due sono gravi e sono stati trasportati con l'elicottero al Cto di Torino e all'ospedale Santa Croce di Cuneo.

Il veicolo era omologato per sei persone ma a bordo c'erano nove giovani. È quanto emerge dai primi accertamenti dei carabinieri intervenuti sul posto con vigili del fuoco, 118 e soccorso alpino. Per ricostruire la dinamica dell’incidente sarà necessario attendere la testimonianza dei superstiti.

C'era un 24enne di Savigliano, Marco Appendino (nella foto), alla guida del fuoristrada precipitato questa notte a Castelmagno, nel Cuneese, causando la sua morte e quella di altri quattro giovanissimi.

Le altre vittime sono i fratelli E. e N. M., di 11 e 17 anni, di San Sebastiano di Fossano, Camilla Bessone (16) e S. G. (14), di San Benigno di Cuneo.

Tra i 4 feriti le condizioni più gravi sono quelle di un 24enne, sempre di Savigliano, ricoverato al Cto di Torino in prognosi riservata per un trauma vertebrale. Sveglio e cosciente, dovrà essere operato per stabilizzare della colonna. Non si hanno ancora notizie dell'altro ferito elitrasportato in codice rosso all'ospedale Santa Croce di Cuneo, un 17enne di Verzuolo. Entrambi non sarebbero comunque in pericolo di vita.

L'incidente è avvenuto intorno alla mezzanotte. Terribile la scena che si sono trovati di fronte i soccorritori al loro arrivo: i ragazzi sono stati sbalzati fuori dall'abitacolo e le vittime sono morte sul colpo. Tra i quattro feriti, due sono gravi e sono stati trasportati con l'elicottero al Cto di Torino e all'ospedale Santa Croce di Cuneo. 

"Abbiamo perso in una notte la metà dei giovani del nostro comune": così il sindaco di Castelmagno Alberto Bianco, una sessantina di abitanti in provincia di Cuneo, sull'incidente che nella notte ha causato la morte di 5 giovani. "Quindici giorni fa avevamo fatto una bella foto - ricorda -, c'erano tutti gli abitanti di questa frazione: mi creda, è agghiacciante vederla", spiega. 

"È una di quelle tragedie che succedono non perché i ragazzi hanno bevuto, ma per una distrazione" aggiunge Alberto Bianco, parlando dell'incidente in cui questa notte sono morti cinque giovani. "Me lo hanno assicurato i carabinieri - rivela il primo cittadino - Quel fuoristrada avrà forse fatto i 15 chilometri orari: sono strade che conoscevano bene, che facevano tutti i giorni per portare le mucche al pascolo. Giovani bravissimi, lavoratori". 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy