Salta al contenuto principale

Torino, giovane uccide

i genitori e poi confessa

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Ha ucciso sua madre e suo padre un uomo fermato ieri sera a Collegno, nel Torinese, in stato confusionale e con le mani sporche di sangue.

Lo hanno accertato i Carabinieri che lo hanno a lungo interrogato presso la caserma di Rivoli. Il fermato, un trentenne, vagava in strada, dopo avere abbandonato l'auto.

L'uomo di trent'anni è stato sottoposto a fermo per il duplice omicidio del padre e della madre e ha confessato di avere accoltellato i genitori, Giuseppina Valetti di 60 anni e Pierfrancesco Ferrero di 69, che si erano recati presso la sua abitazione, in via Biscarra a Torino, per fargli visita.

La morte della coppia, secondo quanto ricostruito fino ad ora dai carabinieri del Comando provinciale di Torino, risalirebbe al pomeriggio di ieri. Tra genitori e figlio sarebbe nato un litigio, sembra per futili motivi, al culmine del quale il trentenne li ha accoltellati. Nell'abitazione i militari dell'Arma hanno sequestrato otto coltelli da cucina.

Dopo il delitto, il 30enne è rimasto qualche ora in casa per poi iniziare a vagare senza meta a bordo dell'auto della madre. I carabinieri lo hanno rintracciato intorno alle 23.30 di ieri sera a Collegno, sporco di sangue e in stato confusionale.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy