Salta al contenuto principale

Padre Alex invita al digiuno:

domani per chiedere di abolire

 i Decreti Sicurezza

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

Padre Alex Zanotelli rilancia la sua iniziativa: «Il 3 luglio riprende la nostra giornata mensile di “Digiuno di giustizia in solidarietà con i migranti” per l’abrogazione dei Decreti Sicurezza, dalle ore 15 alle 18,30 in piazza Montecitorio. Ritorneremo così davanti al Parlamento, dopo la assenza per il Covid 19, per esprimere la dimensione politica di questo digiuno. Ma digiuniamo anche contro il decreto che chiude fino al 31 luglio i porti italiani ai profughi che fuggono dalla Libia in piena guerra civile. E anche come protesta per la “strage di Pasquetta”: il 13 aprile infatti abbiamo lasciato morire in acque maltesi 12 profughi in fuga dalla Libia. Alarm Phone aveva avvisato quattro nazioni, Malta, Italia, Germania e Portogallo del naufragio, ma nessuna si è mossa per salvarli. Purtroppo questi naufragi perdurano nel Mediterraneo. Sono crimini contro l’umanità. Per tutto questo ci sentiamo di continuare a digiunare e lo faremo questo mese davanti al Parlamento o, per chi non può, nelle proprie case o nei monasteri. Buona resistenza!» scrive padre Alex Zanotelli a nome del «Digiuno di giustizia in solidarietà con i migranti».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy