Salta al contenuto principale

Zaia, Veneto pronto per la fase 3

«Su bus e treni mascherine ma

utilizziamo tutti i posti disponibili»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 23 secondi

Il Veneto è pronto ad andare oltre la Fase 2, e mentre lavora per recuperare il suo turismo - prima regione italiana, con 70 milioni di presenze - si attrezza anche per una eventuale recrudescenza, in ottobre, del Covid 19.

«Abbiamo un progetto di promozione turistica legato al rilancio, lo presenteremo - annuncia il governatore Luca Zaia, Governatore del Veneto - Lo ritengo innovativo, tenendo presente che ci sarà mischia al centro, perché tutti correranno per proporre la loro offerta». «Noi cercheremo di fare qualcosa di speciale - rileva - dopo di che ci deve essere una proposta strutturata a livello nazionale».  Un settore fondamentale per l’occupazione.

Nella regione, in seguito a una nuova ordinanza, da ieir nmon è più obbligatorio utilizzare le mascherine all'aperto, salvo a Venezia città. Ma per ora si nota che molte persone continuano a indossarla per precauzione.

Il Veneto, ricorda Zaia, «ha perso 65.000 posti di lavoro, dei quali almeno 35.000 nel turismo. Però io spero che si riesca a recuperarli tutti. Il mondo non si ferma, la vita non si ferma. Io sono sempre ottimista».

E che il mondo non si fermi lo dicono i prossimi temi da affrontare: infanzia e trasporti. Per i bambini da 0 ai 3 anni che hanno bisogno di assistenza per permettere ai genitori di lavorare in tranquillità, arriverà a giorni un’ordinanza per favorire loro accoglienza e cura nei centri per l’infanzia.
«Questi bambini sono nel limbo - rileva Zaia -, la Regione del Veneto ha approvato le linee guida, ma ad oggi il Governo non ci ha dato alcuna approvazione».

Sul fronte dei trasporti, ora che tutte le imprese e l’economia sono ripartite, non vale più il tutti a casa, è impensabile scaricare solo sul traffico automobilistico gli spostamenti dei lavoratori.

Così Zaia è pronto a far fronte comune con gli altri presidenti: «siamo convinti - dice - che se in automobile si gira in 4-5 con la mascherina, nei mezzi pubblici bisogna tornare alle capienze originarie».

Quindi, passeggeri tutti con mascherina, ma sui posti omologati per treni e pullman.

Fin qui il presente. Per il futuro, dopo l’esercito dei tamponi, ecco il ‘piano sanguè e quello ospedaliero nel caso di una ripartenza del virus in autunno. «Abbiamo oltre 6.500 persone che da positive sono adesso guarite, e sono ‘richiamabili in armì per raccogliere il sangue per le cure» dice Zaia sull’utilizzo del plasma con gli anticorpi per le reinfusioni. Il Vento è pronto a dotarsi di un magazzino di plasma che servirà per le cure, e per la ricerca. Ma in caso di un ritorno del Covid sono pronti a essere riaperti anche i 5 ex ospedali del Veneto, riallestiti nella fase critica a marzo e dotati di 740 posti letto nuovi. «Li teniamo lì, diamo un giro di chiave e li teniamo pronti per l’autunno - afferma Zaia - perché se ci sarà una reinfezione non possiamo aver smantellato queste strutture».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy