Salta al contenuto principale

Sequestrati 342 uccelli vivi,

300 impagliati e 3 chili in freezer

11 le persone denunciate 

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

Un totale di 342 uccelli vivi e circa 300 impagliati sequestrati e undici persone indagate. È il bilancio dell’operazione condotta dal Corpo forestale regionale, coordinata dal Nucleo operativo per l’attività di vigilanza ambientale (Noava).

Dopo 4 mesi di indagine, è stato sventato un traffico di uccellaggione abusiva condotta tra Attimis e Faedis (Udine) da un bracconiere dedito alla caccia di fauna selvatica, in particolare uccelli, a fini illeciti.

Gli esiti dell’operazione sono stati presentati oggi a Udine dal responsabile del Noava, l’ispettore Claudio Freddi, e dal direttore regionale Risorse forestali, Adolfo Faidiga.

L’operazione è stata conclusa all’alba del 29 novembre con la denuncia dell’uomo, un sessantenne friulano, e di altre dieci persone a cui erano destinati gli uccelli catturati.

Inoltre, sono stati sequestrati 63 reti da uccellagione, 86 trappole per uccelli o animali, 46 panie invischiate, 342 uccelli vivi, circa 3 chili di uccelli congelati, 286 uccelli impagliati, 351 anelli per avifauna, 9 trasportini per uccelli, 97 gabbie per uccelli, 1 fucile calibro 20, 6 richiami acustici elettronici, 6 telefoni cellulari, 10 agende con appunti, 2 radio ricetrasmittenti, 6 trofei di ungulato naturalizzati e molti altri materiali ricollegabili all’illecita cattura di uccelli e fauna.

Sono stati sequestrati anche 9 contenitori con circa 120-140 litri di distillato alcolico e un set per distillazione, utilizzati per la produzione abusiva di distillati.

Tra il materiale sequestrato anche centinaia di anelli utilizzati per essere apposti alla zampa degli animali.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy