Salta al contenuto principale

Venezia: è ancora emergenza

Attesa nuova marea eccezionale

Gli Azzurri in Piazza San Marco

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

Nuova allerta di marea eccezionale per domani: il Centro maree del Comune di Venezia prevede per le ore 12.30 un picco di 160 centimetri.

La previsione è aggravata dal fatto che i modelli di calcolo prefigurano per la laguna un’intera mezza giornata di marea oltre il metro. Il massimo di 160 è preceduto da un precedente di 130 centimetri alle ore 3.05 e da un “minimo” di 110 centimetri alle ore 6.50.

La marea ha toccato oggi una nuova punta massima di 115 centimetri sul medio mare a Venezia, poco dopo la mezzanotte. Un fenomeno classificato come molto sostenuto (codice arancio), e non eccezionale, come i picchi degli ultimi tre giorni.

L’allagamento in questo caso interessa soprattutto le aree più basse della città, come San Marco. Per domani il Centro maree del Comune prevede un’altra massima di 120 centimetri, alle 11.55.

Intanto il sindaco di Venezia, Luigi Brugnato, nominato commissario straordinario annuncia la sospensione dei mutui per un anno e 20 milioni per il primo ristoro dei danni e il sindaco di Venezia.

Sono le misure principali contenute nell’ordinanza firmata dal capo della Protezione Civile Angelo Borrelli in seguito all’emergenza per l’acqua alta a a Venezia. L’ordinanza, secondo quanto apprende l’Ansa, prevede un primo rimborso di 5mila euro per i privati e di 20mila per le aziende, secondo lo schema indicato dal premier Conte.

E poi c’è la solidarietà. «Venezia supererà anche questa. Come un atleta che subisce un grave infortunio e poi si rialza». C’e’ commozione e solidarietà nella parole di Gianluca Vialli, capodelegazione della nazionale di calcio, oggi in visita a San Marco con il presidente della Figc, Gabriele Gravina, e il portiere della nazionale, Gianluigi Donnarumma. La delegazione azzurra ha fatto visita alla piazza colpita dall’acqua alta eccezionale, in particolare ad un paio di negozi storici ancora allagati, fermandosi a parlare con i titolari, e gli uomini della polizia locale, della protezione civile e con i carabinieri.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy