Salta al contenuto principale

Denunciato un trentino

che cacciava le allodole

in Calabria con richiami vietati 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 36 secondi

Un cacciatore trentino in trasferta in Calabria è stato denunciato dai carabinieri forestali, assieme a un bresciano, per aver utilizzato richiami vivi e acustici vietati per esercitare l’attività venatoria.

Due cacciatori, assieme a una “guida” locale si trovavano a Villapiana, in provincia di Cosenza.

Sequestrate le armi in possesso dei due, il munizionamento, il materiale utilizzato illegalmente e sei capi di fauna selvatica abbattuti.

I due cacciatori sono stati sorpresi mentre, nascosti dietro postazioni mobili e mimetizzate, abbattevano selvaggina utilizzando mezzi artificiali ed esche vive non consentite.

L’accompagnatore forniva assistenza e si occupava di recuperare la fauna abbattuta, in particolare allodole.

Nel momento in cui i militari sono intervenuti, uno dei due cacciatori ha anche tentato di spegnere il richiamo eletromeccanico.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy