Salta al contenuto principale

Gioco horror con mostri e zombie:

sequestrati gli edifici

nella periferia di Milano

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

Si presentava come «l’evento horror più grande d’Italia» il gioco «Dentro l’abisso», una sorta di “escape room”, che avrebbe dovuto tenersi in edifici dismessi alla periferia di Milano per 3 serate, ognuna con 3 sessioni, e per un totale di 450 partecipanti.

Evento che è stato bloccato dalla Procura di Milano che sabato scorso, prima che iniziasse la prima sessione, ha disposto il sequestro di alcuni piani degli stabili per violazione delle norme antinfortunistiche, a tutela sia dei lavoratori, i 25 figuranti che vestiti da mostri o zombie prendevano parte ad ogni sessione, e dei partecipanti che avevano pagato 44 euro ciascuno per “giocare”.

«Si è aperto un Varco, in questo mondo, che si affaccia sull’Abisso, il regno delle Tenebre», si legge sul sito “The Gate”.

E ancora: «Nelle profondità di un edificio abbandonato, in un labirinto di stanze, corridoi e cunicoli segreti perderete voi stessi e vi ritroverete soli, nell’oscurità». Proprio il buio, per i pm, era uno dei pericoli maggiori.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy