Salta al contenuto principale

Maltratta e "vende" le figlie

per le nozze: arrestato

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

La fuga, le minacce e poi il «rituale» per vendere la figlia e intascare il denaro concordato per le nozze promesse col figlio di un suo cugino. È quanto accaduto a Pisa in base alla ricostruzione della polizia che ha arrestato un 45enne in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, primo caso in Italia hanno spiegato gli investigatori, di un misura in carcere dall’entrata in vigore del Codice rosso che prevede anche il reato di costrizione o induzione al matrimonio. All’uomo sono contestati i reati di maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona e calunnia.

Secondo quanto accertato dalle indagini, condotte dal pm Egidio Celano e dalla squadra mobile, l’uomo, un bosniaco di etnia rom, residente con la famiglia in un campo nel Pisano, aveva promesso ai due figli del cugino le sue due figlie maggiorenni, 21 e 19 anni.

Entrambe le giovani però, prima della celebrazione delle nozze, e dopo anni di maltrattamenti e sevizie da parte del padre iniziati quando erano ancora minorenni, sono fuggite insieme ai due fidanzati, romeni, che avevano conosciuto fuori dalla vita del campo e scelto autonomamente per le loro storie d’amore, trovando rifugio nel Nord Italia. Il padre, incapace di rintracciarle, si è poi rivolto alla polizia denunciando la scomparsa delle due ragazze e anche di una terza figlia, 8 anni. Tutte, a suo dire, rapite dai due giovani romeni.

Ma gli accertamenti hanno poi portato a verificare che si trattava di una calunnia: gli inquirenti lo hanno capito in fretta e una volta rintracciate le figlie più grandi sono state loro a raccontare le violenze che avrebbero subito da anni. Punizioni esemplari, con tanto di prolungate segregazioni nella roulotte mangiando solo pane e acqua e pratiche umilianti come il taglio dei capelli. Tutte azioni decise dal padre per impedire loro di avere relazioni sentimentali con uomini diversi da quelli da lui prescelti.

Quanto alla più piccola delle figlie, la polizia l’ha ritrovata nella roulotte del padre.

La figlia 21enne è poi tornata «a casa», dopo le ripetute minacce del padre di «vendicarsi» con i fratellini più piccoli.

È stato allora che la polizia ha fatto scattare la trappola. Il 45enne ha organizzato una grande festa al termine della quale il futuro «suocero» ha pagato circa 12 mila euro in contanti per ottenere le nozze. Il passaggio di denaro, all’esterno della roulotte e al termine di un rituale con fiumi di alcol, è stato filmato dalle telecamere della polizia.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy