Salta al contenuto principale

Audio shock: «Non ti affitto
la casa perché meridionale»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

«Per me i meridionali sono meridionali anche nel 4000, i meridionali, i neri e i rom sono tutti uguali, sono una razzista al cento per cento»: è quanto si è sentita rispondere una 28enne pugliese cui è stata rifiutata una casa in affitto a Robeccheto con Induno, in provincia di Milano.
   
La giovane ha pubblicato sui social gli audio ricevuti dalla proprietaria di casa che, di fronte alla possibilità di diffonderli, le risponde «mi raccomando, scriva e pubblichi che sono salviniana, sto con Matteo, con il capitano».

La vicenda è raccontata integralmente dalla ragazza su facebook: «Succede questo. Decido di trasferirmi nel paese della mia fidanzata in provincia di Milano. Cerco una casa in affitto, la trovo e me ne innamoro. Mi metto d’accordo con la proprietaria di casa, una ragazza, di far partire il contratto ad ottobre. Quindici giorni prima dell’inizio del contratto la ragazza mi manda un messaggio dicendomi che l’inizio del contratto slitta di un mese trovando scuse poco credibili. In un secondo momento ricevo un altro messaggio da parte della ragazza che mi dice che la casa in affitto non può più darmela perché preferisce venderla. Le rispondo dicendole che non trovo corretto cambiare le carte in tavola all’ultimo minuto e che i patti erano altri. In tutto ciò interviene la madre della ragazza che mi contatta. Il motivo per cui non mi viene data la casa in affitto è perché sono nata a Foggia. C O S A, direte voi. Esattamente. Sono nata a Foggia e la signora .... ritiene che in casa sua i meridionali non devono entrare».

Al suo post, Debora allega gli audio della padrona di casa, concludendo «Benvenuti nell’Italia di oggi dove, a quanto pare, c’è da tirare fuori i cartelli con scritto “Non si affitta ai meridionali” perché, evidentemente, non sono ancora passati di moda».

Il messaggio postato da Deborah è lo stesso della sua fidanzata, Laura, che la 28enne ringrazia «per aver trovato le parole giuste per raccontare la mia storia. Io al momento non ne sono in grado». Negli audio pubblicati si sente distintamente la signora dire cose come: «Per me i meridionali sono sempre meridionali, anche nel 4000, non solo nel 2000. I meridionali, i neri i rom son tutti uguali. Guardi io son proprio una razzista al 100%», «ciò che importa è quello che c’è scritto sulla carta di identità, non è una Svizzera, è una meridionale, è diverso».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy