Salta al contenuto principale

Travolge 2 bimbi con il Suv

Aveva assunto birra e cocaina

Uno morto, l'altro senza gambe

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

AGGIORNAMENTO: "Il bambino è stato operato ma purtroppo non abbiamo potuto salvargli le gambe che sono state tranciate durante l'incidente. Le sue condizioni sono stabili ma gravi, è ancora in pericolo di vita". Lo afferma la direttrice dell'unita' operativa di terapia intensiva neonatale del Policlinico di Messina Eloisa Gitto, in merito alle condizioni del bimbo di 11 anni falciato ieri sera davanti alla sua casa di Vittoria (Rg) da un Suv che ha ucciso un suo cuginetto coetaneo.
Il piccolo, dopo un delicato intervento chirurgico nell'ospedale di Vittoria, era stato trasferito in elisoccorso a Messina.

Mentre stava eseguendo gli esami clinici nei laboratori dell’Asp di Ragusa sulla eventuale positività ad alcol e droga Rosario Greco, il pregiudicato 37enne che alla guida di un suv ha travolto a Vittoria (Rg) due cuginetti di 11 e 12 anni, uno rimasto ucciso l’altro gravemente ferito, ha detto ai poliziotti presenti di avere bevuto birra e di avere assunto cocaina. Il referto medico ha confermato la presenza di un tasso alcolemico quattro volte superiore a quello previsto, mentre per l’esame tossicologico si dovrà attendere ancora qualche giorno. L’autista del Suv è figlio di Elio Greco, il ‘re’ degli imballaggi di Vittoria. L’imprenditore, al quale sono stati sequestrati beni per un valore complessivo di circa 35 milioni di euro, in passato è stato anche arrestato per mafia e tentato omicidio. Il figlio Rosario, invece, ha precedenti penali per porto abusivo di armi e traffico di sostanze stupefacenti.


 

È stato arrestato dalla polizia di Stato per omicidio stradale aggravato l’uomo che alla guida di un suv ieri sera ha travolto due cuginetti di 11 e 12 anni nel centro storico di Vittoria. Uno dei bambini è morto sul colpo e l’altro è in gravissime condizioni.

L’investitore è un 34enne, R. G., risultato positivo all’assunzione di droga e alcol. La Squadra mobile gli contesta anche la detenzione di oggetti atti a offendere: nel suv c’erano uno sfollagente telescopico e una mazza da baseball.

I passeggeri che erano con lui, e che come l’autista sono fuggiti a piedi dopo l’incidente, si sono presentati volontariamente in Questura spiegando di essere scappati per paura di essere aggrediti.

Sono stati denunciati per omissione di soccorso.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy