Salta al contenuto principale

Hanno la maglia rossa del cinema

Picchiati dai neofascisti 4 ragazzi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 24 secondi

Avevano passato il sabato sera in piazza San Cosimato, all’arena del Piccolo America, a vedere «First reformed» il cui regista, Paul Schrader era lì per presentare il suo lavoro con tanto di maglietta del Cinema America, l’iniziativa da un gruppo di giovani per portare il cinema nelle strade della capitale.

Una serata come tante, i soliti quattro amici insieme, film di qualità, una passeggiata per i vicoli di Trastevere, chiacchiere fino quasi all’alba.

Ma verso le 4 la nottata ha preso una piega diversa. In due si avvicinano al gruppo con toni minacciosi: «Hai la maglietta del Cinema America, sei antifascista levati subito la maglietta, te ne devi andare via da qua».

Da due sono diventati quattro, poi una decina. Poi le botte, di quelle che ti fanno finire in ospedale.

«Non siamo riusciti a scappare né a difenderci - spiega oggi David Habib, 20 anni, che ha denunciato l’accaduto e che adesso è ricoverato al Fatebenefratelli - èerché è stato un assalto pieno di violenza. Io non ho acconsentito a togliere la maglietta e la conseguenza è stata una testata sul naso, che domani devo operare d’urgenza. È evidente che avessero già deciso di aggredirci. Abbiamo avuto la sensazione che ci avessero seguito».

Nonostante il dolore al naso e alla testa, David dice con voce ferma: «Trastevere è un punto di riferimento e luogo di aggregazione per tutti. Non smetteremo di frequentare i territori di questa città liberamente e di rivendicare le nostre idee, come non smetteremo di partecipare alle proiezioni a San Cosimato e indossare la maglietta del Cinema America».
A un altro ragazzo che era con David sono stati messi tre punti sul sopracciglio a causa di una ferita profonda.

«Piena solidarietà ai ragazzi del Cinema America aggrediti ieri sera. Un atto vile e barbaro, che bisogna condannare fermamente. Il pensiero e la libertà di espressione nulla hanno a che vedere con la violenza. Roma è una città aperta e inclusiva», scrive su Twitter la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Anche il presidente della Regione Lazio e segretario del Pd Nicola Zingaretti twitta sull’accaduto: «Siamo tutti il Piccolo America. Dalla parte dei ragazzi del Cinema America che riempiono di cultura le serate di Roma. Siano al più presto individuati gli squadristi di questa notte. A Roma non si può accettare una violenza così».

Solidarietà alle vittime dall’Anpi di Roma: «È evidente l’appartenenza degli aggressori all’estrema destra fascista. Nessuna aggressione può essere tollerata, è necessaria una risposta ferma e rigorosa al rigurgitare della violenza fascista».

In ospedale oggi, a dare supporto ai due ragazzi ricoverati, c’è Valerio Carocci, presidente del Piccolo America, che non si dà pace per quanto è successo: «Un atto gravissimo in una città e paese allo sbando, questa è una vera e propria aggressione squadrista.

Dove la violenza non viene più condannata ma anzi viene difesa e sdoganata come strumento di giustizia da chi ci governa. Ci costituiremo parte civile e sosterremo le spese legali. Non smetteremo di indossare le nostre maglie e lanciamo un appello a affinché si indossi tutti insieme una maglia bordeaux. Stasera chiamiamo tutti a piazza San Cosimato con addosso la maglietta rossa del Cinema America, per esprimere solidarietà ai ragazzi picchiati. Sarà nostro ospite Jeremy Irons per presentare “Io ballo da sola”, in omaggio a Bernardo Bertolucci».

«L’aggressione ai ragazzi del Cinema America, associazione che meritoriamente promuove la cultura nel centro di Roma, è intollerabile. È l’indicatore di un clima di violenza neofascista che non può più essere né tollerato né minimizzato. Siamo vicini al Cinema America e non lasceremo questi ragazzi soli nel loro percorso di sensibilizzazione culturale. Roma merita più Cinema America e meno, anzi nessuna, nostalgia di un passato buio», afferma l’eurodeputato eletto nel Pd Massimiliano Smeriglio.

Allarmato anche il commento del deputato del Pd Michele Anzaldi, che chiama in causa anche il capo del Viminale: «L’aggressione ai ragazzi del Cinema America è vergognosa e inaccettabile: come è stato possibile un episodio di tale violenza a pochi passi dal commissariato Trastevere di Via San Francesco a Ripa? Il ministro Salvini spieghi. Dove sono i poliziotti in più che aveva promesso?».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy