Salta al contenuto principale

Per demolire il ponte Morandi

le gru che sollevarono Concordia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

"Avremo il nuovo ponte a Natale del 2019". Lo ha detto il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione del viadotto Morandi, Marco Bucci, inaugurando il cantiere per la demolizione del ponte (spesa 19 mln, 5 mesi di lavori). "Appena avremo l'ok dalla procura vedrete anche lo smontaggio, spero già la prossima settimana". Lunedì ci sarà un'udienza con i tecnici della procura e i periti di parte che potrebbe sbloccare la situazione. La demolizione prevede smontaggio e uso di micro cariche esplosive. "Sì, potevano aver risparmiato tempo. Ma ci sono stati altri eventi... Io non guardo indietro e guardo al futuro e al lavoro che c'è da fare. Rispetteremo i tempi". "Abbiamo le macchine pronte per lavorare", ha detto Bucci aprendo il cantiere con il viceministro del Mit Edoardo Rixi e il governatore Giovanni Toti. Sotto al moncone ovest, quello che sarà smontato sono già posizionate le gru di Fagioli e Omini (oltre a quelle di Vernazza) che raddrizzarono la Concordia naufragata al Giglio . "L'obiettivo è quello di arrivare al 31 marzo con la demolizione a un punto tale da consentire la ricostruzione", ha detto Bucci.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy