Salta al contenuto principale

Tragedia in una discoteca: 6 morti

Le vittime: 5 ragazzi e una mamma

Ancona, il panico nel locale- Video

Mattarella: «Non si può morire così». Conte: «Inaccettabile»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
5 minuti 0 secondi

AGGIORNAMENTO: «I biglietti venduti sono circa 1.400 a fronte di una capienza di 870 persone circa». Lo ha detto il procuratore capo della Repubblica di Ancona Monica Garulli che sta effettuando un sopralluogo nella discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo, in località Madonna del Piano, insieme al questore Oreste Capocasa, al comandante provinciale dei carabinieri Cristian Carrozza, al procuratore minorile Giovanna Lebboroni.

AGGIORNAMENTO: Si sta muovendo due due fronti, con diverse ipotesi di reato, l’indagine sulla tragedia di Corinaldo. Da un lato, secondo quanto si apprende in ambienti giudiziari, si indaga su chi ha spruzzato lo spray al peperoncino; dall’altro sul sovraffollamento e sulle misure di sicurezza della discoteca. I reati al vaglio sono, nel caso della persona che ha usato lo spray - sembra una ragazza - quelle di morte come conseguenza di altro reato o l’omicidio preterintenzionale. Nel caso dei gestori della discoteca, l’omicidio colposo.

Le indagini sono condotte dal procuratore della Repubblica di Ancona Monica Garulli, da quello dei minorenni Giovanna Lebboroni e coordinate dal procuratore generale Sergio Sottani.

A spruzzare lo spray, secondo i primi accertamenti, potrebbe essere stata una ragazza, quasi certamente minorenne, che non è stata ancora formalmente identificata.

Parallelamente a questo aspetto si indaga sulla discoteca, con particolare riferimento al sovraffollamento e al rispetto delle misure di sicurezza.

I magistrati stanno formalizzando in questi momenti le ipotesi di reato. Non risultano ancora iscritti nel registro degli indagati.

 

AGGIORNAMENTO: «Abbiamo attivato subito il Piano di emergenza e l’Unità di crisi, intervenuta per tutta la notte. Alle ore 7 erano pervenuti 7 codici rossi, due ragazze e 5 ragazzi tra i 14 e i 20 anni per trauma cranico o toracico tutti ricoverati in rianimazione. Una ragazza in codice giallo ancora in valutazione clinica. Tre ragazze e un ragazzo tra i 14 e 23 anni sono in codice verde con traumi degli arti di cui uno poco dopo dimesso. I 7 in codice rosso sono da considerarsi in pericolo di vita ma in condizioni stabili». Lo hanno detto i medici dell’ospedale di Ancona sulla discoteca.

AGGIORNAMENTO: Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è intervenuto sulla tragedia:

AGGIORNAMENTO: «Quello che doveva essere un incontro gioioso si è trasformato in una tragedia inaccettabile. Quanto accaduto nella discoteca di Corinaldo, nelle Marche, sta suscitando grande dolore in tutta la comunità. Sono 6 le vittime accertate, di cui 5 giovanissime. Il mio pensiero commosso va a queste vite spezzate e ai loro familiari. Seguo con apprensione anche l’evoluzione delle condizioni di salute, alcune molto critiche, delle persone ricoverate e sto per recarmi sul posto, per verificare di persona quello che è accaduto». Lo scrive su Fb il premier Conte.


Tragedia a Corinaldo, vicino ad Ancona, dove durante un concerto del trapper Sfera Ebbasta, all'interno della discoteca La Lanterna Azzurra, il fuggi fuggi causato da una sostanza urticante diffusa all'interno ha provocato il panico tra i giovanissimi presenti. Il bilancio al momento è di sei morti: cinque ragazzi e una madre che aveva accompagnato la figlia sono stati travolti dalla calca.

I nomi delle vittime sono stati resi noti dal vicepremier Luigi Di Maio con un post su Facebook: "Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Matttia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia e mamma Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. Sono le giovani vittime della tragedia di questa notte. È assurdo morire così. Come governo faremo massima chiarezza sulla dinamica della vicenda (se sono state rispettate tutte le norme di sicurezza) e individueremo i responsabili. Un abbraccio e un pensiero alle famiglie".

Tragedia in discoteca a Corinaldo: la calca e il crollo del ballatoio

Il Comune di Corinaldo ha istituito un numero di emergenza per qualsiasi tipo di richiesta e informazione relativo alla tragedia. Chiunque abbia necessità di informazioni o di comunicazioni specifiche può chiamare il numero: 368 747 16 97.

Gli investigatori stanno lavorando per accertare quante persone erano all'interno della discoteca: l'ipotesi investigativa è che il numero dei presenti fosse superiore a quello consentito. I titolari della discoteca sono stati già sentiti. Il ministro dell'Interno Salvini, primo ad esprimere il suo cordoglio per le vittime, ha spiegato: 'Mi sembra che la capienza fosse inferiore alle 900 persone, anche una unità in più è stata un errore che ha complicato tutto. Io mi tengo in contatto costante'. E ha aggiunto, 'mi piacerebbe molto andare a Corinaldo, se ciò non sarà di intralcio alle operazioni complicate che stanno conducendo le forze dell'ordine'. Salvini ha confermato l'ipotesi del cedimento della balaustra come causa per le sei morti. È sempre più fondata l'ipotesi che sia stato spruzzato dello spray urticante, provocando il panico e il fuggi fuggi generale. In mattinata ci sarà una riunione con le forze di polizia impegnate nella sciagura. Lo rende noto il prefetto di Ancona Antonio D'Acunto. Una ragazza presente nella discoteca ha ripreso con il telefonino i momenti fondamentali della tragedia. Il video, a quanto si è appreso, è stato già acquisito dai carabinieri.

Un minuto di silenzio alle 11 in piazza del Popolo a Roma dove si svolgerà la manifestazione della Lega è stato annunciato da Salvini. Un minuto di silenzio è stato dedicato dai deputati, riuniti alla Camera per il voto finale della legge di Bilancio, alle vittime della discoteca di Ancona. Tutti gli esponenti dei gruppi parlamentari hanno espresso vicinanza ai familiari delle 6 vittime e hanno rivolto un augurio di pronta guarigione ai feriti. Subito dopo, il presidente di turno Ettore Rosato (Pd) ha sospeso la seduta per qualche minuto. Martina (Pd), 'una tragedia che lascia senza fiato'. Lollobrigida (FdI), 'Strage che sconvolge'. Battelli (M5s), 'giustizia farà il suo corso'. 'Tutta l'Arma dei Carabinieri, mentre tanti colleghi lavorano per portare soccorso e per scoprire le cause della grave tragedia di Corinaldo, si stringe attorno alle famiglie colpite dal lutto esprimendo il più sincero cordoglio'.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy