Salta al contenuto principale

Impronte digitali contro i furbetti

del cartellino: sì del Senato

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 11 secondi

Controlli più serrati, anche con le impronte digitali, contro i furbetti del cartellino. Il ddl concretezza, che mette in campo novità per le pubbliche amministrazioni e la lotta all'assenteismo, ha ricevuto il primo ok in Parlamento con l'approvazione dell'Aula del Senato (138 sì, 94 no e nessun astenuto), dopo l'esame in commissione Lavoro e il via libera con alcune piccole modifiche. Resta confermato l'impianto del provvedimento, collegato alla manovra, che ora passa alla Camera.
«Mi rifiuto di chiamare malcostume l'uso improprio del cartellino: è reato, reato di truffa aggravata», ha sottolineato il ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, proprio intervenendo in aula. E «di fronte a un reato dobbiamo intervenire», ha rimarcato anche rispondendo alle critiche su un «eccesso di controllo» e sui limiti alla privacy. «Un bene protetto, ma da bilanciare con altri beni». E «se per un po' dobbiamo limitare la privacy dei dipendenti, questo va comunque a giovare a tutti i cittadini e alla Pa, di cui deve prevalere l'interesse dell'efficienza».
Nel giro di vite contro l'assenteismo nel pubblico impiego si supera il vecchio badge: entrano in campo i controlli biometrici dell'identità che, in pratica, potranno essere fatti tramite le impronte digitali ed i sistemi di videosorveglianza. Un punto su cui non sono mancati gli attacchi dall'opposizione: così si tratta il dipendente pubblico «come un possibile delinquente» o addirittura alla stregua di un «terrorista», ha detto il senatore del Pd Mauro Laus, motivando il no dei dem.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy