Salta al contenuto principale

Speleologo caduto in grotta

Intervento riuscito: è salvo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Lo speleologo triestino, Stefano Guarniero, è salvo. In questo momento i soccorritori hanno ultimato la risalita con la barella e lo hanno portato all’esterno della grotta, dove era rimasto intrappolato a 200 metri di profondità da sabato pomeriggio.

Il salvataggio dell’uomo, infortunatosi a causa di una caduta di venti metri nella grotta in esplorazione denominata «Frozen» è definitivamente riuscito.
La barella con il ferito è uscita alle 12.35 dall’ingresso collocato cento metri più in basso denominato «Turbine», prontamente liberato dal ghiaccio dai soccorritori sabato pomeriggio. Verrà portato all’ospedale di Tolmezzo dall’elicottero sanitario.

A eseguire il soccorso e la risalita dal punto in cui si trovava, a duecento metri di profondità, dodici tecnici inclusi medico e infermiere. Questi ultimi sono rimasti sempre con lui a fargli assistenza fin da sabato 4 agosto. Le operazioni sono state seguite passo a passo dall’esterno della grotta tramite collegamento telefonico con l’interno attraverso lo speciale cavo di trasmissione. E tra l’esterno della grotta e il campo base presso la caserma della Guardia di Finanza di Sella Nevea tramite collegamento radio, dato che la copertura per la rete mobile è assente in quota. Sul posto sono rimasti ad attenderlo in queste ore anche i familiari.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy