Salta al contenuto principale

Terrorismo, 7 tunisi espulsi 

Pericolo di «sbarchi occulti»

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 42 secondi

Quella riguardante Atef Mathlouthi è solo l’ultima delle diverse segnalazioni che da mesi l’intelligence tunisina gira ai nostri apparati di sicurezza, nell’ambito di una collaborazione «consolidata, costante e proficua» che dura da anni e che è stata rafforzata recentemente in un incontro tra il ministro dell’Interno Marco Minniti e il suo collega tunisino Lofti Brahem. Proprio a febbraio scorso infatti, la Tunisia ha ribadito il «massimo impegno» nel controllo dei flussi migratori, nelle procedure di rimpatrio e nel contrasto ad ogni forma di terrorismo.

Una collaborazione, tra l’altro, che trova conferma anche nel numero degli espulsi: nel 2017 sono stati oltre 25 i tunisini rimpatriati con provvedimento del ministro dell’Interno per motivi di sicurezza dello Stato e in questi primi due mesi e mezzo sono già sette.

Due erano detenuti a Padova e Palermo e avevano manifestato posizioni radicali, altri due erano soggetti ritenuti vicini all’Isis e sono stati rintracciati a Ravenna, un altro, che viveva ad Anzio, era in contatto con ambienti radicali in Francia.

Anche il sesto era secondo le indagini in contatto con presunti appartenenti all’Isis ed è stato rintracciato ad Anzio, mentre l’ultimo - che secondo gli investigatori era in contatto con un foreign fighter in Siria ed era pronto ad un «gesto eclatante» - lo hanno rimpatriato poco meno di 15 giorni fa: era arrivato con un barcone a Linosa, dove lo hanno arrestato per una precedente condanna per furto e droga, e successivamente espulso.

E proprio la rotta Tunisia-Italia è quella che al momento viene monitorata con maggiore attenzione. Innanzitutto perchè, con il calo dei flussi dalla Libia, c’è stato nel 2017 un aumento del 492% delle partenze rispetto al 2016.

E quest’anno sono già sbarcati 1.187 tunisini su un totale di 6.161 migranti arrivati (il 19% del totale). Ma soprattutto, hanno segnalato gli 007 nella Relazione al Parlamento, perchè «rispetto agli arrivi dalla Libia, quelli originati dalla Tunisia presentano caratteri peculiari: sono entrambi essenzialmente autoctoni e prevedono sbarchi “occulti”, effettuati sottocosta per eludere la sorveglianza marittima aumentando con ciò, di fatto, la possibilità di infiltrazione di elementi criminali e terroristici».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy