Salta al contenuto principale

Il ponte sullo stretto?

Una bufala presidenziale

L’ex ministro dell’ambiente Pecoraro Scanio contro la «proposta Renzi». «Dia soldi per il turismo sostenibile»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

«Oggi è la giornata mondiale del turismo indetta dall’Onu. L’Italia e il Sud hanno bisogno di vere infrastrutture, non di promesse, sprechi e opere inutili».

Lo afferma Alfonso Pecoraro Scanio, già ministro dell’ambiente e dell’agricoltura e docente di turismo alle Università Bicocca di Milano e Tor Vergata di Roma, rilevando che «Matteo Renzi poteva annunciare azioni concrete per il turismo, magari per quello sostenibile, cui l’Onu ha dedicato l’anno 2017».

«Invece si torna a parlare di quella bufala pluridecennale del ponte sullo stretto». L’Italia, secondo pecoraro Scanio, «ha bisogno di vera manutenzione di territorio e paesaggi, di più formazione e migliore promozione in questo settore che tutti definiscono strategico.

Dopo i soldi buttati in laguna con il Mose, ci vorrebbe più cautela a riproporre altri sprechi - continua l’ex ministro - . Il ponte sullo stretto è, tra l’altro, economicamente insostenibile quindi servirebbe denaro pubblico che andrebbe invece investito in opere per la messa in sicurezza contro terremoti, frane e alluvioni oppure in strade e ferrovie che le regioni Calabria e Sicilia attendono da anni».

«Gli Italiani - conclude Pecoraro Scanio - credono nel turismo, come dimostra l’anticipazione del nuovo rapporto realizzato da IPR-Marketing e Fondazione Univerde su »Italiani, turismo sostenibile ed eco turismo«. Ben l’84% degli intervistati ritiene che il turismo sia il principale settore in cui investire per creare occupazione e sviluppo sostenibile.

Chiedo al Governo che nella prossima legge di stabilità si tagli qualche opera inutile e si incentivi il turismo sostenibile. Questo è un futuro di benessere duraturo per l’Italia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy