Salta al contenuto principale

Il Papa «Uomo di pace»

premiato dagli studenti trentini

Chiudi

Papa Francesco a Napoli: incontra per primi i poveri e i bambini

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

È papa Francesco il leader mondiale dei costruttori di pace, seguito da Gandhi e Mandela. A conferirgli il Premio «Uomo di pace» è stato un campione di 1.026 studenti trentini del quarto anno delle scuole superiori e professionali che ha partecipato all’inchiesta «Pace e guerra, relazioni tra generi, omosessualità e omofobia, migrazioni e migranti: cosa ne pensano i nostri ragazzi?» promossa dal Forum trentino per la pace e i diritti umani in collaborazione con il Dipartimento di sociologia e ricerca sociale dell’Università di Trento.

I ragazzi hanno assegnato un dieci e lode ex aequo per l’impegno al disarmo globale a Medici senza frontiere ed Emergency. Nell’elenco seguono le organizzazione internazionali Unicef e Amnesty International, con ultimo in classifica l’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr). Il 6% degli intervistati considera la guerra sempre sbagliata, di questi il 3% sono maschi e il 9% femmine. Per l’84% la guerra è ammissibile in caso di stermini di una dittatura. Sul piano delle discriminazioni il 94% dei ragazzi ritiene diffuso il razzismo verso gli immigrati e la violenza contro le donne (91%). Per l’85% degli studenti, poi, gli omosessuali nella nostra società sono discriminati, ma sulle famiglie monogenitoriali il campione si spacca: è il 42% dei ragazzi, infatti, a condividere l’affermazione che «è giusto riconoscere l’adozione di bambini per le coppie omosessuali».

Sul piano della differenza di genere il 25% dei maschi e il 4% delle femmine ritengono giusto che in casa sia l’uomo a comandare, mentre il 67% dei maschi e quasi la metà delle femmine (49%), ritiene che in presenza di figli piccoli è sempre meglio che il marito lavori e la donna resti a casa.
«I temi pace, lotta alle discriminazioni razziali e sessuali, tolleranza e accoglienza degli stranieri - ha affermato il presidente del consiglio provinciale Bruno Dorigatti - sono ancora attuali, anzi oggi, di fronte alle gravi tensioni internazionali e all’immigrazione, sono di ancor più scottante attualità».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy