Salta al contenuto principale

In Gran Bretagna ipotesi di «strade rosa» per guidatrici

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

Il Governo britannico, se dovesse essere accettata la proposta dell'organizzazione indipendente Sheilas' Wheels, potrebbe istituire delle speciali sezioni nella viabilità urbana ed extraurbana destinate alle guidatrici donne, denominate PinkZones. Secondo questo concetto nei tratti di strada più pericoloso le corsie per uomini e donne dovrebbero essere separate e quelle riservate alle guidatrici verrebbero identificate con una speciale verniciatura rosa ad alta visibilità.

 

uk strade per donne

La proposta di Sheilas' Wheels - organizzazione che fa capo ad una società di assicurazioni - arriva dopo la diffusione sui dati della incidentalità sulle strade britanniche che dimostrano la maggiore vulnerabilità delle donne al volante. I dati del DfT (Dipartimento per i Trasporti) indicano che nel 2012 sono stati coinvolti negli incidenti 114.190 maschi e 70.470 donne, ma queste ultime hanno sofferto di gravi lesioni nel 53% dei casi, contro il 38% dei guidatori di sesso maschile. Le statistiche del DfT evidenziano come nel 2013 sulle strade britanniche siano morte complessivamente 1.713 persone e di queste 100 in autostrada (proprio nei punti dove dovrebbero essere create le PinkZones) con un sensibile incremento percentuale - il primo in un decennio - rispetto alle 88 del 2012. Ed indicano soprattutto che i guidatori maschi hanno quattro volte più probabilità rispetto alle donne di essere condannati per un reato automobilismo sulle strade britanniche. Come evidenziano alcune ricostruzioni grafiche diffuse da Sheilas' Wheels, le PinkZones potrebbero essere di tue tipi: corsie di marcia in 'rosa' per le donne e tratti specifici (una sorta di bypass) per far superare in sicurezza, esclusivamente alle auto condotte dalle guidatrici, i tratti più pericolosi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy