Salta al contenuto principale

Il governo abolisce il finanziamento ai partiti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 9 secondi

enrico lettaIl primo a darne notizia è stato Enrico Letta, con un tweet: "Avevo promesso ad aprile l'abolizione del finanziamento pubblico dei partiti entro l'anno. L'ho confermato mercoledì. Ora in Cdm manteniamo la promessa".

E così, di fronte allo stallo creatosi in Senato dopo l'approvazione del testo alla Camera due mesi fa, il governo ha rotto gli indugi e approvato per decreto l'eliminazione graduale (tra il 2014 e il 2017) dei rimborsi elettorali ai partiti, aprendo invece ai cittadini la possibilità di fare donazioni o di destinare il 2 per mille della propria dichiarazione dei redditi al partito preferito. Inoltre, i partiti avranno l'obbligo di certificazione esterna dei bilanci. Il testo passato in Consiglio dei ministri è quello già approvato alla Camera.

L'iniziativa però non è gradita al Movimento 5 Stelle, che del taglio dei costi della politica fa un punto qualificante del proprio programma. Beppe Grillo ha infatti affidato a Twitter la propria replica all'iniziativa annunciata da Letta, e confermata poi da Gaetano Quagliariello e Angelino Alfano, chiedendo al premier di "restituire ora 45 milioni di rimborsi elettrorali del Pd, a iniziare da quelli di luglio". Per i 5 Stelle, insomma, l'iniziativa del governo non è abbastanza, anzi, è l'ennesima truffa ai danni dei cittadini.

Ma l'abolizione fatta così non piace neppure a Forza Italia. Il senatore Altero Matteoli, infatti, considera l'abolizione un "grave errore".

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy