Salta al contenuto principale

La “scuola a turni” 

non deve impaurire

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

Il Covid impone i turni a scuola? Negl ianni 50 era normale, scrive un nostro lettore. La risposta del Direttore

La “scuola a turni” non deve impaurire

Nel dopoguerra, dal ’46 al ’54, ho frequentato la scuola a turni alternati. Tre giorni al mattino, tre al pomeriggio. Mi ricordo che mancavano scuole e aule. Mi ricordo che doppi e tripli turni erano la norma. Così mi ricordo ancora. Del resto, negli anni Settanta, in Italia c’erano ancora dei doppi turni. Per un trimestre si andava a scuola il pomeriggio. Non fu nessuna tragedia. Ora per questa pandemia, che ha fatto danni simili al dopoguerra, se ne fa un trauma politico-socio-sindacale. Per me andare a scuola (in un contesto oggi purtroppo dominato dai social e dai videogames) significa anche, imparare a convivere, a crescere insieme e a condividere. Perciò la scuola dovrebbe aprire senza tanti piagnistei, pur rispettando le regole di sicurezza. E lo psicodramma collettivo cui assistiamo, non aiuta di sicuro.
Aiuterebbe solamente un minimo di collaborazione tra Ministero, presidi e soprattutto sindacati.

Vittorino Veronese

Però il contesto è molto cambiato

Le funzioni della scuola non sono cambiate. E non si può nemmeno dire che i social e i videogiochi abbiano la meglio su tutto: un tempo si giocava in modo diverso, ma c’era sempre una scusa per giocare e anche, per fortuna, un tempo per studiare. È cambiato invece il contesto: perché questa “guerra” non è finita e perché la salute, quando si ha che fare con un nemico indefinito e per alcune ragioni ancora invisibile e difficile da sconfiggere, non si può mettere a rischio. Anch’io penso che serva un’intesa fra tutte le persone che operano all’interno della scuola, ma siamo di fronte a qualcosa di unico, qualcosa che ancora costringe le scuole a prender decisioni nuove e diverse ogni giorno (alla luce dei singoli casi). Dunque il trauma è comprensibile, così come è comprensibile la preoccupazione di chi deve garantire, insieme, istruzione e sicurezza. Non si tratta di piagnistei: si tratta di necessaria attenzione. Si poteva perdere meno tempo, ci si poteva organizzare meglio, si potevano dare direttive precise. Ma non me la sento di criticare chi in fondo tutela i nostri figli, i nostri nipoti e anche noi, visto che sono i giovani, oggi, a diffondere (almeno potenzialmente) il covid-19. Anche questa sarà un’esperienza importante, per tutti gli studenti. Ma con un spirito molto diverso da quello che - persino con una certa dolcezza - ricorda lei.

lettere@ladige.it

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy