Salta al contenuto principale

Io infermiera dico:

non dimenticateci

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 11 secondi

Io infermiera dico: non dimenticateci

Egregio Direttore, mi chiamo Rita e sono infermiera presso l’ospedale Santa Chiara. In questo momento molto delicato e difficile per ognuno di noi vorrei lasciare un mio pensiero a tutti per provare a darvi la forza di andare avanti nonostante tutto.

Lavoro in Ematologia da quando è aperto il reparto quasi 11 anni fa, un reparto specialistico, delicato, difficile sotto tanti punti di vista. Noi operatori abbiamo la responsabilità verso i nostri pazienti di non far entrare il Covid in questo reparto, perché essendoci immunodepressi sarebbe terribile!
L’arrivo di questo virus ha messo un intero Paese in ginocchio, dobbiamo restare a casa ed è giusto che sia cosi. Chi lavora come me e ha un marito che a sua volta lavora (ringraziamo per questo), una bimba a casa dall’asilo perché giustamente sono chiuse tutte le istituzioni, si trova a doversi giostrare tra i turni per poterla tenere dato che non possiamo lasciarla ai nonni perché dobbiamo cercare di “proteggerli”.

Ho la grandissima fortuna di lavorare con un’equipe eccezionale, i miei colleghi da sempre sono come una famiglia, ci aiutiamo e ci veniamo incontro con cambi turni, e anche mio marito ha ricevuto disponibilità dalla fabbrica dove lavora, l’Aquafil, permettendogli dove strettamente necessario flessibilità nell’orario e utilizzo di ferie per permetterci di tenere la nostra piccola. Il top è smontare le notti di lavoro e poi inventarsi tanti bei giochini e cose divertenti da fare con la piccola, e se mi abbiocco ci pensa lei a dire «mamma mamma, sveglia, non si dorme! Dobbiamo giocare!».

Alla nostra bimba che ha 3 anni abbiamo spiegato che non si può uscire di casa perché sta girando un “brutto animaletto che si chiama Covid” e fa ammalare le persone, e dal 10 marzo non esce di casa, e non ha mai chiesto di uscire, perché mamma e papà se non sono al lavoro sono con lei e farle fare mille cose, si alternano quando ci sono entrambi, uno gioca con la piccola e l’altro fa da mangiare, o pulisce casa.

La spesa la fa mio marito al ritorno dal lavoro massimo 2 volte alla settimana, perché con lo scooter cerca di prendere le cose essenziali, e io cerco di diventare più brava a far da mangiare, non essendo proprio una mia qualità quella della cucina. Vediamo giorno per giorno quanto tutto questo durerà, e anche quando potremmo riuscire non sarà mai come prima, perché queste sono cose che ti segnano, e insegnano. Non mi lascio comunque abbattere dalla stanchezza, la noia non entra nella nostra casetta, e da sempre l’ascolto della musica e il cantare che mi accompagnano da quando ho memoria mi tengono su nei momenti in cui mi sembra di non potercela fare. Discutiamo eh, non è che siamo santi, anche perché io sono molto testarda e da stanca questo mio lato si amplifica, ma ci capiamo, ci sosteniamo e ci veniamo incontro, come facciamo da sempre io e mio marito. Speriamo di riuscire a trasmettere alla nostra piccola i nostri valori contando che questo periodo serva un po’ a tutti per rivedere le proprie priorità, capire l’importanza della vita e quanto sia bello potersi aiutare come famiglie, come comunità, vedersi, evitare rancori e “farsi sentire”, non aspettare che arrivi qualcosa di altro come il Coronavirus a farci svegliare e capire cosa abbiamo perso fino ad ora, o chi abbiamo perso. È dura per tutti, tutti dobbiamo fare dei sacrifici ed è fondamentale che ognuno faccia la sua parte.

Concludo riferendomi alla mia categoria, ora che ci è capitato questo “flagello” ci danno degli eroi. Ma noi tutti i giorni facciamo turni spesso estenuanti, la maggior parte del nostro tempo lavorativo è a contatto con persone che soffrono, stanno male, a volte non ce la fanno, persone che hanno famiglie.. e noi ci siamo sempre perché chi sceglie questo lavoro “deve esserci” con il corpo, con l’anima, ma soprattutto con il cuore. È un lavoro meraviglioso, stancante, difficile, delicato perché da noi dipende la qualità di vita di chi si fida e affida a noi. Il brutto è che nessuno ce lo riconosce. Non siamo una categoria che per ottenere qualcosa può permettersi di scioperare, perché il nostro primo pensiero è il benessere del paziente, e quindi non possiamo mancare. Amo il mio lavoro e mi impegno tutti i giorni per svolgerlo al meglio sotto tutti gli aspetti. Mi auguro che alla fine di tutto ci ricordino per questo. La vita è una sola, è un dono prezioso,non possiamo dimenticarcelo.

Rita Vescovi


 

Le dico solo grazie, cara Rita

Le dico solo grazie, cara Rita. Per quello che fa. Per come lo fa. Per l’entusiasmo, la dedizione e anche il senso di normalità - pur in questa emergenza - che riesce a trasmetterci con queste sue parole. C’è dentro tutto: famiglia, amore, difficoltà, impegno, caparbietà, disponibilità, timore, lacrime, sorrisi, difficoltà. Una lettera da incorniciare: una cartolina che è in un certo senso piena della storia di questa terra, del suo impegno, della sua solidarietà, della sua tenacia.

lettere@ladige.it

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy