Salta al contenuto principale

Non trovo scandaloso

amare gli animali

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

Non trovo scandaloso amare gli animali

Egregio direttore,
mi riferisco all'articolo apparso il giorno 7 febbraio scorso firmato dal signor Massimo Fabbri dal titolo «Giusto amare i cani, ma non sono nostri figli».
Quello che non capisce il signor Massimo è che dire ad una cane: «Vieni dalla mamma» è un modo un po' scherzoso per dimostrare affetto al proprio animale che, tra l'altro, restituisce abbondantemente ciò che riceve, e non certo per paragonare un cane al proprio figlio.
Ma scherziamo? Sono critiche assurde. Cosa c'è di male? Qualche dubbio mi sorge. Davvero il signor Massimo è un amante degli animali?

Mirka Merz


 

Spazio per ogni punto di vista

Confesso che c'è un campo nel quale rispetto le opinioni di tutti, sfumature incluse. E quel campo è quello del rapporto fra uomini e animali. Perché è un legame - stavo scrivendo un amore - difficile da spiegare, difficile da capire, difficile persino da raccontare. In un certo senso, si può solo provare, il trasporto nei confronti di un animale.

Inutile dunque spiegarlo o tentare appunto di comprenderlo, pretendendo che altri ne colgano l'essenza, la magia. Così come è inutile capire l'odio, la freddezza o il disagio che molti altri provano nei confronti degli animali.

Trovo dunque normale che in questa rubrica più d'una persona s'esprima su quanto sente, su quanto coglie, su quanto capisce o non capisce. C'è spazio per ogni punto di vista e non tutto, da una parte e dall'altra, si deve condividere.

a.faustini@ladige.it

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy