Salta al contenuto principale

Il divorzio è una cosa seria
Dubbi su quello “breve”

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

Il divorzio è una cosa seria: dubbi su quello “breve”

Sia chiaro che non ne faccio un ragionamento freddo e giuridico, né moralistico. Ricordo però che c’è una Legge, una normativa che prevede ci si possa separare o divorziare nel Comune di residenza con il versamento di una marca da bollo di 16 euro, se non vi sono figli minorenni o se questi sono già autonomi ed autosufficienti e non portatori di handicap.
Se, come leggo, sono più i giovani che scelgono questa formula, credo invece che li dovremmo aiutare, educare ad affrontare le difficoltà della vita e smetterla di spianare loro sempre la strada e gettare la spugna. Così avremo sempre più figli fragili e soli.
Quando più di trent’anni fa fondavo l’associazione dicevo: ci si sposa in pompa magna e poi ci si lascia in uno stanzino con due avvocati senza toga che sembrano medici della mutua senza un banchetto e senza un confetto. Fin da subito ero contrario anche al divorzio breve, perché vedo troppe separazioni sofferte, non realmente condivise, o perlomeno condivise solo sulla carta. Dopo sei mesi si può divorziare, non si è ancora superato “il lutto”, il distacco emotivo e si riaprono ferite non ancora elaborate. A suo tempo dissi e scrissi che ci sarebbe voluta meno ipocrisia da parte del legislatore e arrivare ad un divorzio senza passare dalla separazione, come avviene in altri Paesi. Oramai è statisticamente provato che saranno forse l’uno per cento le coppie che dopo una separazione si rimettono insieme.

Elio Cirimbelli


 

Viviamo nell’era dell’usa e getta

Viviamo nell’era dell’usa e getta e purtroppo la formula si applica anche ai sentimenti, ai matrimoni e a molto altro. Non sarà facile uscirne, anche perché la tendenza - mi par di capire, anche se io sono solo un osservatore - è quella di mollare tutto alla prima difficoltà.
Ci si sposa troppo in fretta e ci si lascia troppo in fretta. Non generalizzo, ma la tendenza mi pare evidente. E l’elaborazione del “lutto” di cui lei mi parla in questa sua accorata lettera non diventa solo difficile, ma anche impossibile.

a.faustini@ladige.it

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy