Salta al contenuto principale

Ferro (Apss): «In Italia sottostimati i positivi. Qui prendiamo in carico subito quelli rilevati con test rapidi. Altrove non si fa e questo è un problema»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

"A tutt'oggi, quando dal 3 di dicembre tutte le Regioni avrebbero dovuto comunicare questi dati, se si guarda la tabella pubblica del 24 gennaio, ci sono ancora 9 Regioni che sono a zero per quanto riguarda i tamponi antigenici positivi. L'Emilia Romagna ne ha dichiarati 29, quindi c'è stata una sottostima enorme del numero di casi positivi nel Paese e c'è ancora in questo momento".

Lo ha affermato il direttore del Dipartimento prevenzione dell'Azienda sanitaria di Trento, Antonio Ferro, spiegando le modalità di gestione dei positivi ai test antigenici in Trentino.

"Il Trentino ha fatto una ordinanza per cui tutti i test antigenici positivi fossero trasmessi. Quindi il nostro dato non è equiparabile a quanto accade nel resto d'Italia nonostante lo avessimo chiesto. Noi, dopo 10 giorni, confermiamo il test rapido con un test di guarigione molecolare. Questa è la nostra procedura che è stata concordata con l'Iss ed era frutto della circolare del 30 ottobre 2020 poi ripresa l'8 gennaio scorso e che ha confermato per tutte le Regioni d'Italia la modalità d'azione che il Trentino ha adottato e che dal nostro punto di vista ci ha permesso di mantenere sotto controllo la situazione dei contagi", ha aggiunto Ferro.

"Sulla questione di come abbiamo gestito i dati, il problema di fondo è che non c'è una possibilità di comparazione delle Regioni italiane per la modalità del conteggio dei positivi ai test rapidi. Oltre alla mail del 30 settembre del direttore generale dell'Azienda sanitaria trentina all'Iss per chiedere l'inserimento di questi dati, io personalmente ho telefonato sia al professor Rezza che al professor Brusaferro per fare presente che c'era un problema italiano. Quello dei soggetti positivi agli antigenici che andavano subito presi in carico, perché erano un problema per il Paese. Il problema è che questi dati non trovavano una collocazione all'interno della piattaforma dell'Iss", ha precisato ancora Ferro.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy