Salta al contenuto principale

Orsi ancora svegli, decine di arnie devastate, la Provincia promette un intervento, gli apicoltori chiedono le "casette blindate"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

La Provincia di Trento ha individuato uno strumento normativo per limitare i danni causati dall’orso agli apiari in Val di Sole, che potrà essere allargato a tutto il territorio provinciale.

Lo ha fatto sapere - a quanto riporta un comunicato - l’assessore provinciale Giulia Zanotelli, rispondendo a un’interrogazione presentata in Consiglio provinciale di Trento dal consigliere Michele Dallapiccola (Patt). Zanotelli ha rilevato come non vi siano precedenti quanto all’intensità dei danni sugli apiari in pieno inverno.

Dallapiccola, criticando la Giunta per la mancata applicazione di una norma di sulla gestione dei grandi carnivori, ha chiesto iniziative per proteggere gli allevatori.

Da mesi gli apicoltori - in particolare in Val di Sole - lamentano decine di incursioni sulle arnie e la distruzione di apiari. E chiedono di avere contributi per acquistare le speciali “casette delle api”, a prova di orso, che da anni vengono usate in Slovenia ed in altre aree dei Balcani. Si tratta di “capanne” in legno con supporti metallici protetti e resistenti, a «favo fisso» e inattaccabili dai plantigradi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy