Salta al contenuto principale

Viveva a Trento da dieci anni

il 30enne morto in uno schianto

in tangenziale a Bologna

 

Igor Damian era andato a trovare la fidanzata in Emilia

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

Si è schiantato con la sua auto nei pressi di Bologna, mentre era in viaggio per fare ritorno a Trento.
Igor Damian, trentenne moldavo residente nel capoluogo, è morto poche ore dopo essere giunto all’ospedale Maggiore, nel capoluogo emiliano.
L’incidente, ieri mattina: erano le 10.15 e Damian a bordo della sua Opel Corsa stava percorrendo il tratto della tangenziale tra la città e Casalecchio di Reno. Era diretto presumibilmente verso il casello autostadale di Valsamoggia, da dove avrebbe imboccato l’A1 per tornare a Trento dopo aver fatto visita alla fidanzata, che vive in Emilia.
Stava procedendo in direzione di Modena quando, mentre si trovava sulla corsia di sorpasso all’altezza dello svincolo che immette al casello, ha improvvisamente perso il controllo della sua auto.
La vettura si è spostata di colpo verso destra, lasciando la corsia di sorpasso per quella di marcia e proseguendo poi senza rallentare verso il muro in cemento che in quel punto è stato realizzato per contenere il piccolo pendio erboso che si trova oltre la carreggiata. Dopo l’impatto contro il muro, la Opel Corsa di Igor Damian è rimbalzata nuovamente sulla carreggiata, rovesciandosi.

Damian era arrivato in Italia una decina di anni fa per raggiungere la madre e la sorella che vivevano a Trento e si era fermato. Lavorava come operaio.

L'articolo completo sull'Adige in edicola

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy