Salta al contenuto principale

Lago di Cei, raggiungono un isolotto

passando sul ghiaccio che si scioglie

Per recuperarli arrivano i pompieri

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

Allarme ieri pomeriggio al lago di Cei. Una coppia ha chiamato i soccorsi, dicendo di essere imprigionata nel lago.

La macchina dei soccorsi si è mossa velocemente: sul lago delle ninfee sono arrivati circa dieci pompieri volontari da Villa Lagarina e la squadra sommozzatori da Trento.

Per fortuna è bastato un gommone di quelli piccoli, per portare entrambi in salvo.

La vicenda è più curiosa che grave. I due erano andati a Cei probabilmente perché in ogni stagione il lago lassù riesce ad essere suggestivo.

Arrivati, si sono accorti che l'acqua era ghiacciata. Un'opportunità, devono aver pensato: là, vicino alla riva, c'è l'isolotto.

Saranno due metri e mezzo, tre metri. Si potevano percorrere. Lo strato di ghiaccio sembrava tenere. E in effetti ha tenuto. Sono passati dall'altra parte. Solo che quando è stata ora di tornare, il ghiaccio si era sciolto.

E loro si sono spaventati. L'acqua lì non è molto alta (circa 45 centimetri), ma non se la sono sentita di mettere giù i piedi. Ecco perché hanno chiamato i soccorsi. Che, come detto, sono accorsi in massa, temendo un incidente serio.

Da Trento è stata inviata una squadra di sommozzatori, mentre da Villa Lagarina salivano i pompieri volontari. Una volta arrivati, i soccorsi hanno capito che non era il caso di agitarsi. E hanno semplicemente lanciato ai due un gommone, trascinandoli poi a riva, per i pochi metri che li separavano dalla terra ferma.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy