Salta al contenuto principale

Covid, oggi in Trentino 13 morti

Aumentano i ricoverati: sono 459

Le vittime nate fra il 1922 e il 1954

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

Sono purtroppo tredici i decessi registrati ogig, in Trentino, a causa del covid-19. Il totale dei morti dall'inizio della pandemia sale così a 719.

Lo riporta una nota della Provincia nella quale si comunica che sono 176 i nuovi casi positivi rilevati tramite tampone per test molecolare (solo 740 quelli processati, come sempre al'lindomani della domenica).

In ospedale si trovano ora 459 pazienti, 44 dei quali in terapia intensiva, sono dunque 11 i ricoveri in più rispetto a ieri (invariato il numero di posti occupati in rianimazione). Dei 459 ricoverati, 49 pazienti sno curati in area ad alta intensità (6 meno di ieri). Quanto ai flussi, ci sono stati 32 nuovi ricoveri, a fronte di 15 dimissioni.

Gli attualmente positivi sono 130 più di ieri: 2.547.

Una persona più di ieri risulta dimessa, mentre i guariti oggi sono 33 (13.089 il totale). In isolamento domiciliare si trovano 1.989 persone.

I morti, ha spiegato in conferenza stampa l'assessora alla salute Stefania Segnana, sono persone nate nel periodo 1922-1954. Ha perso la vita, dunque, anche una persona di soli 66 anni.

Sei decessi sono avvenuti nelle rsa e sette negli ospedali. Dalle Rsa provengono anche 27 fra i casi complessivi registrati oggi. Ci sono 79 soggetti asintomatici e 46 pauci sintomatici, tutti seguiti a domicilio; 7 bambini con meno di 5 anni (4 di questi hanno meno di 2 anni); 57 over settanta. Si registrano 39 nuovi casi di ragazzi e bambini in età scolare, mentre le classi in quarantena risultavano essere 98.

A proposito dell'atteso dato relativo ai test antigenici rapidi (al momento esclusi dal bollettino), il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, ha spiegato poco fa che la data prevista oggi per la loro "ufficializzazione" slitta al 3 dicembre, su indicazione del ministero che deve ancora completare la messa a punto della relativa piattaforma. Il rischio da scongiurare, ha osservato Fugatti, è che uno stesso positivo possa essere contato due volte, perché dopo il test rapido in genere si procede con quello molecolare di conferma.

L'Azienda sanitaria bolzanina, peraltro, diffonde da tempo nel bollettino quotidiano anche il dato dei test rapidi: quelli eseguiti ieri sono stati 182 di cui 15 positivi.


L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy