Salta al contenuto principale

Trento, spacciava droga

ma per non farsi perquisire

dice di avere il covid-19

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 9 secondi

Uno spacciatore fermato dalla Polizia locale a Trento ha tentato di sottrarsi alla perquisizione dicendo di essere positivo al Covid. Il fatto è avvenuto nella zona di piazza Dante.

Gli agenti hanno notato un cittadino di origini centroafricane che consegnava qualcosa ad un’altra persona in cambio di denaro. Lo straniero, avvicinato dagli agenti, ha tentato di allontanarsi correndo verso la stazione dei treni, ma è stato bloccato dopo aver gettato a terra un pacchetto con circa 18 grammi di marijuana e una modica quantità di hashish.

Portato in questura, nel tentativo di sottrarsi alla perquisizione l’uomo ha dichiarato di essere positivo al covid-19 in quanto sottoposto ad un tampone pochi giorni prima e ha fornito alcune documentazioni mediche. Gli agenti, dopo essersi muniti dei necessari dispositivi di protezione individuali ed essersi autoisolati in una stanza della questura, hanno effettuato comunque la perquisizione, rinvenendo 65 euro che sono state poste sotto sequestro come presunto provento di spaccio.

Nello stesso tempo, dopo aver contattato l’Azienda sanitaria, gli agenti hanno accertato che nella banca dati delle persone in quarantena non risultava il nominativo del fermato, il quale è stato comunque portato al pronto soccorso del S.
Chiara dove è stato sottoposto ad un test rapido, dal quale è emersa che era negativo al Covid 19 e che non era mai stato sottoposto a tampone. Oltre alla denuncia per spaccio di sostanza stupefacenti, il cittadino africano è stato quindi anche segnalato

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy